Le ricostruiscono l'esofago, mangia per la prima volta a tre anni

Share

Le ricostruiscono l'esofago, mangia per la prima volta a tre anni

Sottoposta ad un intervento innovativo di ricostruzione dell'esofago presso la Chirurgia pediatrica dell'ospedale infantile Regina Margherita di Torino, una bambina di tre anni ha mangiato per la prima volta alcuni giorni dopo l'operazione.

Operata a due mesi di vita a Milano, la bambina ha avuto una complicanza che ha determinato l'instaurarsi di una stenosi esofagea, cioe' un restringimento cicatriziale della zona, che non e' stato possibile risolvere, nonostante numerose dilatazioni endoscopiche. Non potendosi mai alimentarsi per bocca, la bambina ha manifestato problemi di crescita, prima di essere presa in carico dall'ospedale Infantile Regina Margherita. Problemi che hanno messo in seria difficoltà la sua famiglia, che nel frattempo, per seguire un'altra figlia ammalata, ha dovuto trasferirsi in Francia. Grazie alla ricostruzione la piccola paziente ha potuto recuperare l'uso della bocca per alimentarsi. Alimentata con un sondino introdotto nello stomaco e poi, con una cannula in vena, la bimba ha ora un esofago nuovo di zecca.

La bambina è nata con l'atresia esofagea di tipo I, una malformazione congenita a causa della quale le mancava un pezzo di esofago e quindi le era impossibile mangiare normalmente. La piccola, quindi, e' passata a una famiglia affidataria di Torino per consentirle di continuare le cure. In casi analoghi, l' esofago viene sostituito utilizzando una parte dello stomaco o un tratto di intestino. Questa volta, invece, i chirurghi sono riusciti ad asportare il tratto cicatriziale e a ricostruire un normale esofago utilizzando esclusivamente tessuto esofageo. Dario Reggio, del Servizio di Endoscopia Interventistica della Città della Salute di Torino.

Il Direttore generale della Città della Salute di Torino Silvio Falco ha così commentato: "Ancora un intervento che testimonia l'eccellenza della Città della Salute di Torino, con la collaborazione tra i nostri ospedali Regina Margherita e Molinette". Il decorso postoperatorio presso la Rianimazione pediatrica (diretta dal dottor Giorgio Ivani) si è prolungato per più di un mese.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.