Fincantieri, indagine europea sull'acquisizione di Stx

Share

Fincantieri, indagine europea sull'acquisizione di Stx

Ben più dure le parole di Salvini che sceglie una diretta Facebook per attaccare senza mezzi termini l'Ue: "Ennesima dimostrazione che l'Europa non esiste o esiste a senso unico: oggi ricorso di Francia e Germania contro Fincantieri perché ha osato acquisire un'azienda francese".

Sulla base degli elementi forniti dalla Francia e dalla Germania, e fatti salvi i risultati della sua indagine esaustiva, la Commissione ritiene che l'operazione potrebbe nuocere in misura significativa alla concorrenza nel settore della costruzione navale, in particolare per quanto riguarda il mercato mondiale delle navi da crociera.

"Il progetto di acquisizione di Chantiers de l'Atlantique da parte di Fincantieri - ricorda la Commissione Ue - non raggiunge le soglie di fatturato previste dal regolamento Ue relativamente alle concentrazioni per le operazioni che devono essere notificate alla Commissione a causa della loro dimensione europea". A mio avviso, indipendentemente dal problema sollevato da Francia e Germania, la questione sta nelle procedure europee che vanno assolutamente modificate.

Infatti, come si legge in una nota della stessa Commissione: "La Francia ha presentato alla Commissione una domanda di rinvio a norma dell'articolo 22, paragrafo 1, del regolamento Ue sulle concentrazioni. Ma rischia di incidere in misura significativa sulla concorrenza nei territori degli Stati membri che presentano la richiesta".

Per questo motivo ha deciso di esaminare l'operazione nella sua interezza allo scopo di valutarne i potenziali effetti sul mercato. Ad affermarlo il segretario generale della Uilm di Genova, Antonio Apa, commentando l'avvio dell'esame da parte della Commissione europea del dossier sull'acquisizione di Stx da parte di Fincantieri.

Vuoi rimanere sempre aggiornato?Seguici su Facebook, Twitter e iscriviti al nostro canale Telegram. "Tuttavia, ci auguriamo che quello della Commissione sia solo un atto dovuto, ci aspettiamo alla fine del percorso un giudizio positivo che incoraggi la fusione e non la ostacoli".

"Gravissimo quanto accaduto, Francia e Germania scorrette". Il Ministro dell'Economia francese ha liquidato la decisione della Commissione come un passaggio puramente procedurale e si dice fiducioso che non ci sarà alcuna preoccupazione sul fronte della concorrenza.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.