Cosa ha deciso il governo per salvare Banca Carige

Share

Cosa ha deciso il governo per salvare Banca Carige

Esprime soddisfazione il premier Giuseppe Conte: "Il governo, nel Consiglio dei ministri di questa sera, ha approvato un decreto legge che interviene a offrire le più ampie garanzie di tutela dei diritti e degli interessi dei risparmiatori della Banca Carige". Il Mef, si legge, "è autorizzato fino al 30 giugno 2019 a concedere la garanzia dello Stato su passività di nuova emissione di Banca Carige nel rispetto della disciplina europea in materia di aiuti di Stato, fino a un valore nominale di 3.000 milioni di euro".

FONDO MEF DA 2 MILIARDI - Nello stato di previsione del Ministero dell'economia viene istituito un Fondo con una dotazione di 2 miliardi di euro per il 2019, destinato alla copertura degli oneri derivanti dalle sottoscrizione di azioni e dalle garanzie concesse dallo Stato sulle obbligazioni e sull'erogazione di liquidità di emergenza.

La prima misura ricalca quella, varata a suo tempo, a favore della Popolare di Vicenza e di Veneto Banca e assicura in prospettiva l'attività di funding della banca genovese mentre la seconda, che non è detto si concretizzi, riecheggia il salvataggio di Mps, realizzato dall'esecutivo guidato da MatteoRenzi, attraverso il quale il Tesoro è diventato il maggior azionista dell'istituto senese. Lo riferisce il Comunicato finale della riunione del Consiflio dei ministri, sottolineando che "le misure previste nel decreto si pongono in linea di continuità con il provvedimento di amministrazione straordinaria recentemente adottato dalla Banca Centrale Europea"."L'obiettivo - evidenzia palazzo Chigi- è di consentire ai Commissari di assumere le iniziative utili a preservare la stabilità e la coerenza del governo della società, completare il rafforzamento patrimoniale dell'Istituto già avviato con l'intervento del Fondo Interbancario dei Depositi, proseguire nella riduzione dei crediti deteriorati e perseguire un'operazione di aggregazione". "Le banche italiane - aggiunge - pagano il prezzo di un sistema di vigilanza della Bce che va dotato di strumenti rafforzati di controllo e di intervento". Come scrive Il Sole 24 Ore, di fatto l'unica certezza di rilievo che emerge dal decreto è che "i clienti-depositanti di Banca Carige sono garantiti" ma "il destino futuro della banca è invece ancora avvolto nell'incertezza". I dati sono obbligatori al fine di autorizzare la pubblicazione del commento e non saranno pubblicati insieme al commento salvo esplicita indicazione da parte dell'utente.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.