Corinaldo, madre vittima a Sfera Ebbasta: "Hai morti sulla coscienza"

Share

Corinaldo, madre vittima a Sfera Ebbasta:

Tanto che la donna lo esorta ad evitare "di postare foto da idiota con il tuo 'pacco'".

"Tu e i tuoi collaboratori imparate a non giocare con i sogni dei ragazzini che, pur avendo pagato, sono stati presi in giro e sono morti nell'attesa che tu arrivassi".

La Procura di Ancona intende ascoltare Sfera Ebbasta nell'ambito dell'inchiesta per la tragedia della discoteca, che vede nove persone indagate (più un minorenne), mentre sono in corso controlli sul numero di biglietti venduti e sul quello delle persone presenti nel locale. E ancora: "Ricordati che il regalo più grande te lo sei fatto portandoti sulla tua coscienza 6 morti".

Le critiche e gli insulti sono iniziati a piovere ma pare che il tatuato cantante non abbia colto il messaggio: qualcuno gli ha fatto notare che per le famiglie di Corinaldo sarebbe stato il primo Natale senza l'amore del familiare morto al suo concerto. Ad esporsi sulla questione è Vincenzo Fiore, amministratore del gruppo Giustizia per le vittime della Lanterna Azzurra.

Alla luce di questi dati, anche se parziali, va riletta la scelta di Claudio Baglioni e del suo Sanremo 2019: se la musica in Italia va in una certa direzione, inutile nascondere la testa sotto la sabbia. Sfera Ebbasta era atteso alle 22 non per un concerto, ma per un djset alla discoteca Lanterna azzurra, piena all'inverosimile di giovanissimi. E proprio al trapper ha deciso di rivolgere alcune considerazioni Donatella Magagnini, la mamma di Daniele Pongetti, il 16enne che in quella tragica notte ha perso la vita. Nelle prime 30 posizioni in classifica si registra un solo artista internazionale: si tratta del decimo posto di ö (Divide) di Ed Sheeran, che ha raggiunto la vetta della chart annuale nel 2017. Prima di tutto perché si è fatto vivo solo dopo molti giorni dalla tragedia. "Dopo poco ha pubblicato la stessa lettera sui social", dove "terminava ricordando le date dei suoi concerti così come se niente fosse accaduto". "Ecco caro Sfera colgo l'occasione per risponderti sui social, è più cool".

"A te - si legge ancora nel post - non riesco nemmeno a considerarti, ma ce l " ho a morte con i tuoi collaboratori, i tuoi manager, la tua casa discografica. Eh sì - insiste - perché la tua fama è mondiale e non puoi cantare in ex magazzini. "Ciao Gionata, in bocca al lupo per la tua carriera da grande artista", conclude la mamma della vittima.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.