Banca mondiale, lotta in vista

Share

Banca mondiale, lotta in vista

Il Presidente della Banca Mondiale, il cui mandato avrebbe avuto scadenza naturale nel 2022, non ha ancora reso note le motivazioni di questa sua repentina decisione ma ha puntualizzato che, una volta liberato dalla carica, tornerà nel settore privato e, precisamente, negli investimenti per le infrastrutture nei paesi in via di sviluppo.

Le sue dimissioni, effettive dal 1 febbraio, aprono un nuovo dossier, e probabilmente un nuovo fronte di scontro, per il presidente americano Donald Trump. Se la norma sarà rispettata, spetterà quindi alla Casa Bianca nominare il sostituto. Lo afferma la Banca Mondiale, sottolineando che i rischi al ribasso sulle prospettive sono in aumento.

Kim è stato alla guida della Banca Mondiale dal 2012 ed è stato rieletto per un secondo mandato di cinque anni nel 2017. Kristalina Georgieva, l'amministratore delegato della Banca Mondiale, assumerà il ruolo di presidente ad interim. Il suo addio arriva dopo sei anni alla guida: sei anni con molte critiche, molti problemi e alcuni successi. Romer lasciando l'istituto ha spiegato come a suo avviso l'integrità scientifica della banca era compromessa.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.