Samsung Galaxy A10: lettore di impronte nel display e Snapdragon 845

Share

Samsung Galaxy A10: lettore di impronte nel display e Snapdragon 845

Ma in rete spuntano già diversi brevetti per gli smartphone del futuro di Samsung che mostrano, come il design borderless non sia per niente la fine del design per i dispositivi mobili, ma che potremmo vedere diverse soluzioni alternative.

Arriva una graditissima sorpresa per i milioni di tifosi della Juventus sparsi in Italia e nel mondo: Samsung Electronics Italia ha infatti ufficializzato una partnership col famoso club di calcio torinese, presentando il Samsung Galaxy A7 Juventus Special Edition.

La Wi-Fi Alliance ha certificato la variante SM-M205F del Galaxy M20 e anche se non ci dice molto sulla data di rilascio, conferma che lo smartphone arriverà con Android 8.1 Oreo al momento del lancio.

Samsung non ha più paura di Galaxy Note 7: in arrivo la ricarica super rapida per Galaxy S10?

Ice universe per ora si è limitato a dire che la ricarica a 15 W sarà presto un ricordo, lasciando intendere di essere al corrente di novità in fase di sviluppo in casa Samsung, senza però sbilanciarsi su possibili cifre.

Passiamo all'ultimo brevetto, che forse è il più alternativo, che prevede l'utilizzo di magneti e particolari incastri per offrire doppi display, da usare magari come doppio monitor, tastiera o estensione del primo schermo. Doppia fotocamera anteriore sul notch ovale, e tripla fotocamera sulla scocca posteriore. Quello che è certo è che avrà un processore meno potente dei due fratelli maggiori, per mantenere il prezzo più basso. Nel reparto di memoria ci aspettiamo almeno 3 GB di RAM e fino a 64 GB di memoria interna, mentre la dimensione del display deve ancora essere confermata, anche se alcune immagini suggeriscono una tacca waterdrop nella parte superiore. Nessuna versione da 128 Gb o più quindi.

Non sappiamo ancora di che cosa si tratti nel dettaglio e la stessa azienda coreana non ha rilasciato dichiarazioni ufficiali in merito.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.