Roma, Di Francesco: "Troppa fretta con Pellegrini. Tanti errori arbitrali contro"

Share

Roma, Di Francesco:

Tanti infortuni? Ci servirebbe una preghiera. Il tecnico capitolino introduce la sfida di domani alle 18.00 con i sardi rispondendo alle domande dei giornalisti presso la sala stampa di Trigoria. Per quello dobbiamo lavorare ancora tanto anche se sto vedendo una buona crescita da parte di tutti. Si aspetta una partita fisica? Con il Cagliari sarà sicuramente una partita fisica, soprattutto con Pavoletti che ho allenato due anni. "L'ho detto anche prima dell'Inter, le situazioni da gol le riusciamo a creare, ma dobbiamo lavorare da squadra per non concedere agli avversari possibili azioni". Quasi non cammina, ha preso un brutto colpo sulla gamba. Manolas ha avuto un colpo e ad oggi la sua possibilità è al 50%. Abbiamo bisogno di calciatori perché siamo in pochi. "Pastore e Perotti potrebbero avere minutaggio, ma non partiranno dall'inizio".

Il centrocampo è un reparto cresciuto molto in questo inizio di stagione?"Stiamo crescendo tantissimo negli automatismi, in quello che cerchiamo nelle due fasi". Il resto è semplice, semplice: Cristante sarà l'altro centrocampista accanto a Nzonzi nel 4-2-3-1 che propone il tridente 'green' (Under, Zaniolo, Kluivert) alle spalle della punta Schick.

"Mettersi con un difensore in più, vorrei lavorare con Riccardi, che è stato in Nazionale ed è tornato oggi". Lo teniamo in considerazione, ma dobbiamo avere equilibrio. All'interno della partita ho visto tante cose fatte bene. E allora la grande novità di Cagliari potrebbe essere Marcano: "Si è allenato benissimo, sto seriamente valutando di farlo giocare", ammette Di Francesco. In base alle condizioni di Manolas vedrò chi schierare dietro. Però obiettivamente ci sono stati degli errori, il rammarico è che essendoci la disponibilità è un peccato non utilizzare la tecnologia. Pellegrini, tra il mio e il suo desiderio di averlo a disposizione, abbiamo fatto un percorso accelerato ed è accaduto un imprevisto. Essere frettolosi può portare a problemi del genere. C'è la necessità di recuperare giocatori perché abbiamo tante partite importanti e poterle giocare con tutti i calciatori. Ho parlato del Divino Amore perché se ogni volta che uno prende una botta si fa male sempre allo stesso punto, ti fa pensare...

El Shaarawy e Dzeko sono andati a Barcellona, come stanno? Potrebbe essere domani la sua giornata. Se dovessi dire delle cose mi sto attaccando a qualcosa, mi sto creando degli alibi. Verrà con noi ma dobbiamo vedere se potrà essere utilizzabile, è in dubbio. Si sono dette tante cose poi alla fine si chiede scusa, ma a rimetterci sono le partite e gli allenatori. "Mi auguro che da ora in poi ne accadano meno possibili, specialmente nei nostri confronti".

Paesano, Roma Radio: il Cagliari è la seconda squadra in serie a per gol di testa, la Roma invece vince i duelli aerei..."Non ho mai visto partite non fisiche". Dopo il pareggio con tante polemiche contro l'Inter all'Olimpico, adesso c'è una trasferta insidiosa a Cagliari: "È una possibilità per dimostrare che abbiamo fatto un salto mentale".

Contro l'Inter nel gol di Icardi, che salta solo, l'errore è individuale o di squadra? "Noi ci mettiamo a zona, in quel calcio d'angolo abbiamo sbagliato il posizionamento specialmente i centrali che dovevano staccare meglio". Manolas ha staccato con due piedi, la forza di chi va a impattare la palla in terzo tempo è di staccare con un piede solo. "È una questione di attenzione e di posizionamento corretto, ma anche le qualità di un giocatore straordinario che ha grandi capacità di attaccare la porta".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.