Per le feste di Natale atteso il picco dell’influenza

Share

Per le feste di Natale atteso il picco dell’influenza

Insomma il rischio è che il virus influenzale a causa di questo picco tra dicembre e gennaio, possa rovinare le vacanze a molti italiani. Secondo i dati contenuti nell'ultimo rapporto fornito dall'ISS (Istituto Superiore di Sanità) nella settimana tra il 26 novembre e il 2 dicembre 2018 sono stati 152 mila i nuovi casi registrati, che portano a 647 mila il numero totale degli italiani costretti a letto dall'inizio del periodo di monitoraggio.

Stando a quanto si apprende, il livello di incidenza è pari a 2,52 casi per 1000 assistiti. Si tratta comunque di una soglia che risulta ancora al di sotto rispetto a quella che segna l'inizio del periodo epidemico, fissato a 2,74. La quota media di 2,52 è stata in realtà già superare in 9 Regioni italiane: Abruzzo, Calabria, Campania, Lombardia, Piemonte, Sicilia, Toscana, Trentino-Alto Adige (limitatamente però alla Provincia autonoma di Trento) e Umbria. Nello specifico, i più colpiti sono stati i bambini tra i 0 e 4 anni, con 6,55 casi per mille assistiti, cui seguono con valori simili quelli nella fascia di età 5-14 anni (2,57) e gli adulti tra i 15 e 64 anni (2,59). Più bassi finora i valori rilevati tra gli anziani con più di 65 anni (1,27 casi per mille assistiti).

"Finora l'andamento dell'influenza è paragonabile a quello della passata stagione".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.