Dal caffè un aiuto contro il Parkinson

Share

Dal caffè un aiuto contro il Parkinson

Il caffè può essere un valido aiuto contro il morbo di Parkinson.

Lo studio dà la speranza di poter realizzare un trattamento per due malattie attualmente incurabili: la malattia di Parkinson e la demenza a corpi di Lewy. A sostenerlo sono i ricercatori del Rutgers Robert Wood Johnson Medical School Institute, secondo i quali la popolare bevanda contribuirebbe a rallentare il processo di degenerazione cerebrale a cui vanno incontro coloro che soffrono di questa patologia.

Insieme alla caffeina, anche l'eicosanoil-5-idrossitriptamide (EHT) sembra che possa scongiurare l'accumulo anormale di proteine associato al morbo di Parkinson e alla demenza a corpi di Lewy.

Gli studiosi hanno individuato l'Eht, un acido grasso derivato da un neurotrasmettitore della serotonina, presente nel rivestimento dei grani del caffè. Le attuali terapie permettono di agire solo sui sintomi, ma non proteggono dal declino cerebrale.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.