Cina lancia sonda per lasco oscuro Luna

Share

Cina lancia sonda per lasco oscuro Luna

A quasi 50 anni dal primo viaggio dell'uomo oltre l'orbita terrestre, quello dell'Apollo 8, che fece un giro attorno alla Luna nel dicembre del 1968.

Un razzo Long March-3B, che trasporta la sonda, che include un lander e un rover, è stato lanciato dal Centro di lancio satellitare Xichang, nella provincia sudorientale de Sichuan, aprendo un nuovo capitolo nell'esplorazione lunare. Non c'è stata alcuna live streaming, ma sui social network sono apparse immagini che sembrano mostrare un decollo riuscito.

Tra 27 giorni la sonda dovrebbe arrivare a destinazione, allunando nel cratere Von Karman, all'interno del bacino Polo Sud-Aitken, con il suo carico di esperimenti scientifici. In tutto più di una tonnellata di "payload", per studiare la superficie e il sottosuolo della parte meno esplorata del nostro satellite. A quanto pare il rover e il lander studieranno la struttura del suolo lunare e sonderanno il vento solare in questa zona. Il cratere è enorme, ha una larghezza di circa 2.500 chilometri ed è profondo 13.

Ma essere dall'altra parte della Luna significa anche non poter comunicare con la Terra direttamente.

Il lander e il rover della missione Chang'E-4 sono un'evoluzione di quelli impiegati nella precedente Chang'E-3, avviata nel 2013. Il cielo dal "dark side" infatti è schermato da qualsiasi segnale radio proveniente dalla Terra.

A bordo della missione c'è anche tanta tecnologia europea, con strumenti realizzati da Germania, Svezia e Paesi Bassi.

Uno degli esperimenti più interessanti riguarda.

Secondo una notizia diffusa in primavera dall'agenzia di stampa cinese Xinhua, Chang'e-4 porterà sulla Luna anche una mini 'biosfera' con semi di patata e Arabidopsis, una pianta da fiore e uova del baco da seta, per testarne la coltivazione attraverso un esperimento biologico progettato da 28 università cinesi.

Gli obiettivi scientifici della missione sono stati descritti in uno studio pubblicato poche settimane fa sulla rivista Planetary and Space Science dal gruppo di Yingzhuo Jia, dell'Università dell'Accademia delle scienze cinese a Pechino.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.