Arsenal nella bufera: festino, alcool e droga. C’era anche Mustafi

Share

Arsenal nella bufera: festino, alcool e droga. C’era anche Mustafi

Le immagini mostrano tra gli altri giocatori anche Ozil, Lacazette e Aubameyang in un locale, mentre si divertono durante un party in cui scorrevano a fiumi vodka e champagne. Non è infatti una vera sostanza stupefacente che lascia tracce nel sangue ma i: in Inghilterra il possesso non è illegale, ma è vietata la vendita ai minori di 18 anni se c'è il rischio che lo inalino. Secondo il video e le informazioni del quotidiano "The Sun", molti di questi giocatori dell'Arsenal "sono crollati" e "hanno perso conoscenza" dopo aver consumato il "crack hippy", che hanno inspirato con dei palloncini.

L'Arsenal ha avviato un'indagine interna e in un commento ufficiale annuncia che "i giocatori saranno chiamati a spiegare quanto successo", ricordando le loro responsabilità da tesserati.

Un party assurdo e pericoloso perché la combinazione tra alcool e ossido di azoto, il gas in questione solitamente usato in medicina per le anestesie, può portare alla perdita di coscienza con problemi di coordinazione fino agli attacchi di cuore che possono anche causare la morte.

Totale del conto all'esclusivo Tape club nel West End di Londra, tra le 25.000 e le 30.000 sterline.

È quasi certezza che sul pieno recupero di Ozil incida la sua passione smodata per i videogames. Il che, tradotto in soldoni, porterebbe ad media di cinque ore al giorno.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.