Trump espelle il reporter della Cnn che aveva fatto domande scomode

Share

Trump espelle il reporter della Cnn che aveva fatto domande scomode

Così Donald Trump ha apostrofato il corrispondente della Cnn, Jim Acosta, intimandogli più volte di sedersi e di smettere di parlare, nel corso della conferenza stampa in cui il presidente degli Stati Uniti ha commentato l'esito del voto.

Durante la conferenza stampa post-elezioni di midterm, Trump ha avuto un aspro battibecco con il cronista, Jim Acosta, che gli aveva rivolto alcune domande relative alla carovana di migranti in arrivo dal Messico. Sui pochi secondi del contatto tra Acosta e la stagista si è però scatenata una polemica furiosa. "Lei è un maleducato", ha aggiunto il presidente. "Mi è stato appena impedito di entrare alla Casa Bianca", ha scritto su Twitter il giornalista.

"Non tollereremo mai che un giornalista metta le mani su una giovane donna che cerca solo di fare il suo lavoro come stagista della Casa Bianca", ha detto Sanders mercoledì. "Come risultato dell'incidente di oggi, la Casa Bianca sospende l'accredito del reporter fino a nuovo avviso", ha twittato Sarah Sanders. "Io governo, tu pensa alla Cnn", ha proseguito il presidente cominciando a passeggiare nervosamente avanti e indietro, mentre il personale della Casa Bianca cercava di togliere il microfono al giornalista.

La stampa presidenziale americana ha definito "inaccettabile" la sospensione dell'accredito: "Revocare l'accesso alla Casa Bianca è una reazione sproporzionata rispetto alla presunta infrazione ed è inaccettabile", ha denunciato in una nota Olivier Knox, a guida dell'associazione reporter della Casa Bianca. Ma la questione non si è fermata qui.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.