Sorpresa, la Citroen 2Cv diventa una moto

Share

Sorpresa, la Citroen 2Cv diventa una moto

Un compleanno speciale, a pochi mesi da un altro grande traguardo (i 100 anni di Citroen) non potevano che essere celebrati con un regalo altrettanto particolare.

Un progetto originale per celebrare i 70 anni della Citroen 2CV e destinato sia agli appassionati delle quattro che delle due moto, ma che meriterebbe una piccola produzione in serie.

La moto "special" è stata realizzata da South Garage, tra i principali e rinomati preparatori di motociclette a livello nazionale, un atelier in cui si sviluppano progetti di customizzazione su specifiche del cliente, con un'estrema attenzione al dettaglio e un'evidente ispirazione "tailor-made". D'altra parte anche la Charleston era nata così nel 1976, da disegni di Serge Gevin (pittore che lavorava con Bob Delpire, il geniale pubblicitario che rivoluzionò l'immagine di Citroën dalla seconda metà degli anni '50) che inizialmente furono scartati.

Presentata nel 1980, la serie speciale Charleston arrivò sul mercato nel 1981. Gevin la pensò come un omaggio al ballo divenuto famoso nei "ruggenti" Anni Venti.

Il nome ("Charleston") è lo stesso di una delle 2CV più famose. Si chiama Charleston e celebra appunto la 2CV Charleston che l'ha ispirata come forme, stile, colori.

La 2CV Charleston, oltre alla tradizionale carrozzeria bicolore giallo-nera, era stata proposta anche con un'altra nuance in abbinamento al nero, Rouge Delage, un bordeaux il cui nome richiama le vetture di lusso assai diffuse nella Francia degli anni Trenta.

Tra tutte le serie speciali, sicuramente la Charleston è quella più conosciuta e di maggiore successo.

Non solo: l'originale portapacchi cromato riporta lo storico logo di Citroen, il Double Chevron, la cui forma, due V sovrapposte rovesciate, che rappresenta uno speciale ed innovativo ingranaggio a doppia cuspide prodotto nelle officine Citroën di Parigi dall'inizio del Novecento. La 2CV Charleston ebbe un grande successo, e l'ultima 2CV uscita dalle catene di montaggio, il 27 luglio del 1990, fu proprio una Charleston. Gli scarichi originali della moto con la loro forma a bottiglia si integrano nelle linee arrotondate della livrea.

Anche il frontale della moto Charleston presenta espliciti richiami alla vettura 2CV: oltre al singolo faro con il vetro giallo, con un diametro di 4.5 pollici rispetto a quello di 5 della vettura originale, la vistosa griglia centrale in lamiera bordata con stecche lucidate e poi saldate che richiama al centro il "double chevron".

Sempre sull'avantreno è stato montato un originale para-gambe, anch'esso nei colori nero e Rouge Delage, con filettature argento.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.