Napoletano ammazzato in Messico, Alessandro faceva il venditore. Lascia moglie e figlia

Share

È stato trovato morto da un colpo di arma da fuoco a un trentenne italiano, questo sabato mattina vicino alla strada che collega Tepechitlán a Teúl de González Ortega, Zacatecas.Alessandro De Fabbio è stato trovato sulla strada statale Rancho Nuevo-Llano Frío, a 8,3 km dall'autostrada federale 45.

Un altro napoletano ucciso in Messico.

Il ragazzo è originario della zona tra piazza Mercato e Case Nuove, proprio come i tre scomparsi dallo scorso 30 gennaio (Antonio Russo, il figlio Raffaele ed il nipote Vincenzo Cimmino) ed a quanto pare esercitava lo stesso mestiere di venditore in giro per il Paese centroamericano. Il cadavere presentava una ferita d'arma da fuoco all'addome, sul lato destro. Inizialmente era stato diffuso solo il suo nome di battesimo, poi oggi è stata diffuso il nome completo: De Fabbio era in Messico per lavoro, dove commerciava in motoseghe nella regione. Io che capisco il dolore spero con tutto il mio cuore che tu da lassù possa dare tanta forza alla tua famiglia! La notizia è confermata dalla Procura Generale dello Stato di Zacatecas. Il 32enne lascia una moglie, Denise, e una figlia.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.