Michelle Obama confessa: "Ho concepito le mie figlie in vitro"

Share

Michelle Obama confessa:

Da martedì, Michelle sarà anche in giro per presentarla a pagamento: il tour è già sold out.

Michelle Obama ha poi scritto che "non perdonerà mai" Donald Trump per la teoria del certificato di nascita dubbio del marito. "L'intera vicenda era una pazzia e una meschinità, con nascoste intolleranza e la xenofobia". Ma era anche pericolosa" perchè poteva provocare "deliberatamente dei matti.

Parlando del libro con i giornalisti della Abc, Obama ha duramente attaccato Donald Trump, che aveva appoggiato e aiutato a diffondere la teoria secondo cui Barak Obama non è nato negli Stati Uniti e quindi non avrebbe potuto essere eletto presidente. Donald Trump con le sue insinuazioni ha messo a rischio la sicurezza della mia famiglia.

L'ex First Lady si spinge anche oltre e accusa Trump di aver usato il linguaggio del corpo per fare "stalking" nei confronti di Hillary Clinton durante uno dei dibattiti presidenziali: Trump l'ha seguita sul palco e si è avvicinato troppo cercando di sminuire la sua presenza. La rivelazione è contenuta nel libro di memorie che Michelle ha appena pubblicato: sorriso smagliante, maglia bianca casualmente lasciata cadere su una spalla, Michelle appare in forma smagliante sulla copertina del libro, Becoming.

Michelle partirà in tour per promuovere la sua biografia: il 13 novembre, primo giorno di vendita del libro, sarà nella sua città natale, Chicago. Le presentazioni avverranno nelle grandi arene cittadine, quelle dove giocano, per esempio, le squadre della Nba, e i biglietti d'ingresso saranno in vendita con Live Nation, la società di eventi conosciuta soprattutto per i concerti di star come Rihanna e Katy Perry.

Michelle Obama ha confessato di aver concepito le figlie Malia e Sasha ricorrendo alla fecondazione in vitro. In un'intervista all'ABC, l'ex First Lady ammette di essersi sentita "sola e persa" dopo l'aborto e questo perché non sapeva quanto fosse comune.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.