Finali Mondiali Ferrari 2018

Share

Finali Mondiali Ferrari 2018

A fare da contorno, inoltre, scenderanno in pista le Formula 1 storiche che hanno corso nel circus iridato negli ultimi 30 anni e i prototipi dei Programmi XX fino all'ultimo atto che chiuderà l'evento, il Ferrari Show di domenica con le vetture di Formula 1, i piloti GT della Casa di Maranello insieme a Marc Gené, le auto protagoniste alla 24 Ore di Le Mans e nei più importanti campionati a ruote coperte e un numero record di vetture prodotte a Maranello nel corso degli anni. La parte espositiva comprende anche un'area per i più piccoli con molteplici attività per i tifosi junior organizzate da personale specializzato. Il tutto con l'animazione coinvolgente dei dj di Radio RTL 102.5 e la presenza di numerosi Ferrari Club, alcuni dei quali sono stati premiati per gli striscioni più belli.

Troviamo anche la 512 con cui Surtees vinse il campionato del mondo del 1964, la 312 F1-66 con cui Ludovico Scarfiotti conquistò l'ultima vittoria di un pilota italiano, la Ferrari 312T di Niki Lauda che fu campione del mondo nel '75, la Ferrari 312 T4 e la 87/88C con cui vinsero Jody Schecker e Gilles Villeneuve nel 1979 e Gerard Berger e Michele Alboreto nel 1988.

All'Autodromo di Monza entra nel vivo il weekend sotto il segno delle Finali Mondiali con le ultime gare delle serie continentali del Ferrari Challenge - Europe, North America, Asia Pacific - in scena oggi. Un'occasione unica per gli appassionati che, oltre alle sei gare conclusive delle serie continentali e alle finali mondiali del Ferrari Challenge - che vedono protagoniste più di cento 488 Challenge - possono ammirare in pista e nel paddock decine di vetture che hanno fatto la storia e che rappresentano il presente e il futuro del Cavallino Rampante.

Per la prima volta nella storia della serie (attiva dal 1993) uno dei titoli mondiali in palio è stato vinto da una donna: si tratta di Fabienne Wohlwend, la pilota del Liechtenstein che è riuscita a laurearsi campionessa nel Trofeo Pirelli AM.

Di seguito si è svolta la finale della Coppa Shell con la vittoria dello svizzero Christophe Hurni; sul podio Thomas Tippl e Manuela Gostner.

Gran finale domenica, dalle 14.00 alle 15.00, con il Ferrari Show. Respingendo i ripetuti attacchi portatigli da Fumanelli, si è imposto il neo campione continentale Nielsen che pertanto si è laureato anche campione mondiale. Dietro il lombardo, quindi secondo, terza piazza per il tedesco Jens Liebhauser (Formula Racing). Secondo l'indiano Renaldi Hutasoit (Ferrari Jakarta), terzo lo svedese Martin Nelson (Scuderia Autoropa).

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.