Turchia: "Giornalista saudita ucciso nel consolato a Istanbul"

Share

Turchia:

Una delegazione della sicurezza saudita è giunta sabato a Istanbul per partecipare alle indagini, che il 6 ottobre sono state avviate dagli inquirenti turchi. Una versione, quella dell'agenzia britannica, sostenuta anche dal Washington Post, quotidiano con cui Khashoggi collabora e che sta portando avanti una campagna per arrivare alla verità sull'improvvisa scomparsa del reporter.

Ucciso all'interno del Consolato saudita a Instabul e fatto sparire: clamorosa l'ipotesi, fatta trapelare da una fonte della Polizia turca, sul giallo inerente Jamal Khashoggi, 59enne giornalista saudita, assai critico verso il regime di Riad, del quale si sono perse le tracce lo scorso martedì in Turchia. Gli inquirenti ritengono che una squadra di 15 persone sia "arrivata dall'Arabia Saudita" proprio per uccidere il giornalista, scrive ancora il Washington Post citando uno degli anonimi funzionari che ha aggiunto: "E' stato un omicidio premeditato". Le autorità saudite non hanno commentato la notizia, limitandosi a ribadire che il giornalista ha lasciato la sede diplomatica. Il Guardian scrive che Ankara renderà oggi pubbliche le prove raccolte che dimostrano l'assassinio di Khashoggi. "Io posso parlare mentre tanti non possono".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.