Salvini, risposta alla Germania: "Chiuderemo gli aeroporti ai voli charter dei migranti"

Share

Salvini, risposta alla Germania:

"Se qualcuno, a Berlino o a Bruxelles, pensa di scaricare in Italia decine di immigrati con dei voli charter non autorizzati, sappia che non c'è e non ci sarà nessun aereoporto disponibile. Chiudiamo gli aeroporti come abbiamo chiuso i porti".

I migranti al centro della questione sono quelli che hanno fatto domanda di asilo nel paese di primo ingresso, l'Italia, ma che poi sono riusciti a spostarsi in altri paesi. Nello specifico, questa volta Matteo Salvini punta il dito contro la Germania, che, in base al Trattato di Dublino, ha deciso di rimandare in Italia quaranta migranti secondari con un volo charter.

Su Twitter il deputato del Pd Filippo Sensi commenta: "non bastano proclami e veline". Matteo Salvini voleva fare aumm aumm?

Nei giorni scorsi Petra Haubner, avvocato che assiste i profughi in Baviera, in Germania, ha raccontato a Repubblica che "c'è stata un' accelerazione micidiale" sul fronte dei ricollocamenti dei "dublinanti": "Ogni giorno da Deggendorf prelevano almeno un richiedente asilo o una famiglia intera per i Paesi di prima destinazione". E ora pizzicato col sorcio in bocca da quei cattivoni di Repubblica fa il ganassa?

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.