Rapporto Oms inquinamento: 90% bambini respira aria inquinata

Share

Rapporto Oms inquinamento: 90% bambini respira aria inquinata

Il 90% dei bambini sotto i 15 anni, ogni singolo giorno, respira aria inquinata che è la causa di 600mila morti tra loro. Ed è proprio lo smog che contribuisce ogni anno alla morte di quasi 600.000 minori, con età inferiore a 5 anni.

I più esposti al particolato atmosferico sono i piccoli dei Paesi a basso e medio reddito: il 98% dei bambini al di sotto dei 5 anni introduce nei polmoni quantità di particolato atmosferico ben al di sopra dei livelli massimi indicati dalle linee guida dell'Oms (10 microgrammi/ m3).

"L'enorme numero di malattie e decessi rivelato da questi nuovi dati dovrebbe chiamare urgentemente all'azione la comunità globale, specialmente nel settore sanitario - si legge nel rapporto - Azioni forti nel ridurre l'esposizione all'inquinamento atmosferico rappresentano un'opportunità senza precedenti di proteggere la salute dei bambini ovunque".

Le zone più colpite sono quelle più povere e quelle in via di sviluppo: il Sud-Est asiatico, dove il 99% dei bambini al di sotto dei 5 anni è esposto a livelli pericolosi per la salute, e il Pacifico occidentale, dove a essere interessati sono il 98% dei bambini.

"L'aria inquinata sta avvelenando milioni di bambini e rovinando le loro vite - afferma il direttore Generale dell'Oms, Tedros Adhanom Ghebreyesus -".

Il rapporto indica che quando le donne incinte sono esposte all'aria inquinata hanno più probabilità di dover affrontare parti prematuri e hanno bambini di piccole dimensioni e sottopeso alla nascita. La cosa ancor più preoccupante è che oltre il 40% della popolazione mondiale è esposta a livelli considerevoli di inquinamento domestico a causa della cottura con tecnologie e combustibili pesantemente inquinanti. L'inquinamento atmosferico impatta anche sul neurosviluppo e sulle capacità cognitive, oltre a essere una potenziale causa scatenante dell'asma e dei tumori infantili. L'Organizzazione Mondiale della Sanità lancia un allarme di vaste proporzioni che riguarda principalmente i bambini. Chi ha respirato aria inquinata da piccolo inoltre ha un rischio molto maggiore di malattie croniche cardiovascolari da adulto.

Uno dei motivi per cui i bambini sono particolarmente vulnerabili agli effetti dell'inquinamento atmosferico è che respirano più rapidamente degli adulti e quindi assorbono più inquinanti. Nonostante questo sono diverse le vie per cercare di ridurre al minimo le emissioni di inquinanti letali.

"L'Oms sta sostenendo l'attuazione di misure politiche per la salute come l'accelerazione del passaggio a combustibili e tecnologie di cottura e riscaldamento puliti, promuovendo l'uso di trasporti più puliti, alloggi efficienti dal punto di vista energetico e pianificazione urbana". All'inizio di quest'anno, la Commissione europea ha confermato che avrebbe inviato Germania, Regno Unito, Francia, Italia, Romania e Ungheria alla giurisdizione europea per non aver migliorato costantemente la qualità dell'aria.

Il risultato della somma degli effetti negativi dell'inquinamento indoor e di quello outdoor è drammatico: il 50 per cento delle infezioni respiratorie nei bambini dei Paesi più poveri è provocato da questa deleteria accoppiata.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.