Mutui a rischio aumento con lo Spread Btp - Bund alto

Share

Mutui a rischio aumento con lo Spread Btp - Bund alto

L'analisi di Facile.it. tenta di rispondere a questi interrogativi. Dopo una relativa tranquillità durante tutto l'inizio del 2018 (fino a maggio il differenziale era fermo a 120 punti o all'1,2%), l'arrivo del nuovo governo ha portato ad un'altalena continua dell'indice in borsa, con il differenziale (o spread se preferite il termine anglofono) tra i titoli di stato italiani (Btp) e quelli tedeschi (Bund) che si è attestato intorno a quota 300 punti e che nei giorni in cui è stata ufficializzata l'approvazione della legge di bilancio 2019 e schizzato addirittura sopra quota 300.

Secondo gli esperti "I primi possono tirare un sospiro di sollievo". Le condizioni ovviamente non cambieranno per il tasso fisso, mentre per quello variabile cambieranno solo se cambia l'Euribor che dipende dai tassi decisi dalla Bce.

L'Euribor è purtroppo strettamente correlato alla politica dei tassi applicata dalla BCE, se lo scenario di tensione dei mercati si prolunga, si può intervenire pure sugli indici, se non per ridurli (visto che sono ormai da tempo in negativo) almeno per rimandarne l'aumento. Questi potrebbero in effetti scontare un aumento dei tassi di interesse, così come spiegano gli esperti "quello che accadrà ai nuovi mutui dipenderà molto da quanto lo spread Btp-Bund aumenterà e, soprattutto, dal periodo di tempo in cui rimarrà alto". Chi invece sta pensando di chiedere un mutuo potrebbe effettivamente veder mutare lo scenario. "È comunque possibile ipotizzare un aumento dei tassi di interesse per i mutui che verranno erogati in futuro, ma anche in questo caso il rincaro non sarà determinato direttamente dall'andamento dello spread Btp-Bund, né tantomeno dall'aumento di Euribor o Eurirs, quanto piuttosto dalla politica applicata dalle singole banche". Insomma un legame tra lo spread bancario e quello Btp - Bund esiste, sebbene non in modo diretto ed immediato.

Negli ultimi anni il mercato italiano dei mutui, grazie anche alla diffusione delle surroghe e ad una più serrata competizione tra gli istituti di credito, è stato caratterizzato da una graduale riduzione, se non in alcuni casi addirittura l'azzeramento, degli spread bancari (e dei guadagni) dei singoli istituti sui finanziamenti erogati ai privati per l'acquisto di un immobile.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.