Lo spread chiude a 303 punti Borse, Milano la peggiore

Share

Lo spread chiude a 303 punti Borse, Milano la peggiore

In notevole rialzo anche il rendimento del decennale italiano che dopo l'apertura al 3,58%, dal 3,41% dalla chiusura di venerdì, è salito al 3,6%.

Piazza Affari pesante a metà seduta con il Ftse Mib che cede il 2,27%, sotto quota 20 mila punti, ai minimi dall'aprile del 2017.

A far volare il differenziale fra btp e bund decennali è stata la lettera di critiche alla nota di aggiornamento al def inviata venerdì dalla Commissione Europa al governo italiano.

Fuori dal listino principale è crollata Banca Ifis (-12%).

A Milano è sell-off sulle banche, oggetto di diverse sospensioni: Banco Bpm cede l'6,1%, Mps il 5,3%, Carige il 5,1%, Ubi il 5%, Unicredit il 4,9%, Mediobanca il 4,8%, Intesa il 3,9%. Dopo l'interessamento mostrato da Salini Impregilo (-2%), ha continuato a correre Astaldi (+12,8), più volte sospesa al rialzo.

La corsa del rendimento dei buoni italiani è arrivata fino al 3,60% (3,56% alle 13,00), un livello che non veniva toccato dal febbraio 2014, ben prima che la Banca centrale europea lanciasse il programma di acquisto dei titoli di Stato che ha fatto crollare ovunque i rendimenti nell'Eurozona.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.