Jamal Khashoggi, Wp: "I turchi hanno video e audio del sequestro"

Share

Jamal Khashoggi, Wp:

Le stesse valigie, che stando al giornale, "sono state viste quando sono state caricate dalla sede del consolato su una mercedes 'Vito Tourer' che è sfrecciata nella residenza del console" che dista 300 metri Yenisafak, citando altre "fonti della sicurezza", che parlano di "due squadre" saudite coinvolte nell'assassinio.

Il materiale non sarebbe stato pubblicato ufficialmente perché la Turchia "teme si possa rivelare come Ankara spii le entità straniere nel Paese". Non è chiaro, sottolinea il Wp, se i funzionari Usa abbiano visto i video o ascoltato gli audio, ma i colleghi turchi hanno descritto loro il contenuto.

Richard Branson, imprenditore britannico fondatore di Virgin Group, ha annunciato venerdì di avere interrotto i colloqui con il fondo sovrano saudita per un investimento di un miliardo di dollari nelle società spaziali Virgin Galactic e Virgin Orbit. Come riporta la Bbc, Branson aveva detto di "avere grandi speranze nell'attuale governo" dell'Arabia Saudita, ma di essere anche preoccupato circa la possibilità di un coinvolgimento delle autorità del Regno nella scomparsa di un cittadino saudita.

Turchia e Stati Uniti mettono alle corde l'Arabia Saudita sulla morte del giornalista dissidente Jamal Khashoggi.

Anche Uber, Viacom e l'Huffington Post hanno annunciato che non parteciperanno alla "Davos nel deserto", il summit dei giganti della finanza e dell'economia Usa, in programma a Riad dal 23 al 25 ottobre, a seguito del caso di Jamal Khashoggi. L'intelligence statunitense è in possesso di intercettazioni che suggeriscono che il principe ereditario Mohammed bin Salman si sia impegnato con ogni mezzo per far ritornare Khashoggi in Arabia Saudita. Lo sostiene una fonte investigativa turca, citata dal New York Times.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.