Iran: Corte dell'Aja, Usa sospendano sanzioni sui beni umanitari

Share

Iran: Corte dell'Aja, Usa sospendano sanzioni sui beni umanitari

Tuttavia, Pompeo, ha evidenziato che gli Usa continueranno a fornire assistenza umanitaria all'Iran. La più alta istituzione giudiziaria delle Nazioni Unite ha stabilito che Washington dovrebbe "eliminare, con la sua scelta, ogni impedimento" derivante dalla reimposizione delle sanzioni per l'esportazione in Iran di medicinali e dispositivi medici, prodotti alimentari e agricoli, nonché di pezzi di ricambio e attrezzature necessario per garantire la sicurezza dell'aviazione civile, ha riferito l' Associated Press. La sentenza e' "un chiaro segnale" che l'Iran e' "nel giusto", ha commentato il ministero degli Esteri iraniano, Mohammad Javad Zarif, "una volta di piu' viene dimostrato che il governo americano e' giorno dopo giorno piu' isolato". La Corte "ha dimostrato l'illegittimità e la crudeltà delle sanzioni Usa contro i nostri cittadini", si legge in una nota.

Avviso: le pubblicità che appaiono in pagina sono gestite automaticamente da Google. Il capo della diplomazia di Teheran, prima della decisione, aveva puntato il dito contro "la guerra psicologica più che economica" dichiarata da Washington, insieme ad alcuni "clienti regionali", per ottenere un cambio di regime in Iran.

Gli iraniani infatti avrebbero voluto una revoca completa di tutte le sanzioni, mentre la sentenza della Corte ha fatto riferimento in particolare a componenti ed equipaggiamenti necessari per l'aviazione civile. "Possiamo vedere la mano degli ayatollah e dei suoi sostenitori che supportano questi attacchi agli Stati Uniti", ha dichiarato.

Secondo la Corte, l'imposizione di nuove sanzioni da parte dell'amministrazione Trump lo scorso maggio, che hanno costretto molti Paesi a interrompere gli scambi commerciali con Teheran, viola i termini del Trattato di Amicizia tra i due Paesi del 1955, tuttora in vigore. La decisione di oggi rientra nelle misure provvisorie approvate prima della decisione finale sul processo. Gli Stati Uniti pensano comunque di impugnare la decisione alla prossima udienza.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.