Google, "bug ha messo a rischio migliaia di utenti"

Share

Google,

Un bug ha messo a rischio i dati di centinaia di migliaia di utenti di Google+. Secondo un articolo precedentemente pubblicato dal Wall Street Journal, il gruppo avrebbe scelto di non svelare l'accaduto, la scorsa primavera, per timore di attrarre l'attenzione dei regolatori e di danneggiare la propria reputazione.

La stessa società ha poi precisato che i profili potenzialmenti esposti a intrusioni sono stati 500 mila.

In seguito alla chiusura di Google+ (non da ultimo) per problemi di sicurezza relativi alle API cui gli sviluppatori hanno accesso, Google vuole dimostrare il suo (rinnovato) impegno in tal senso con delle modifiche anche alla gestione dei permessi. Google ha fatto sapere che i dati esposti al furto di terzi erano il nome, l'indirizzo mail, la data di nascita, il genere, le foto profilo, i luoghi visitati, l'occupazione e lo status amoroso. Quasi tutte informazioni facoltative, ma condivise dalla maggior parte degli utenti. Ed è proprio per evitare di essere coinvolta nelle vicende della società di Zuckerberg che Google avrebbe deciso di tacere la vulnerabilità fino a oggi. Google si difende spiegando che la decisione di non comunicare l'incidente e' legata alla natura del problema e alla sua entita' limitata. Il problema e' stato scoperto e risolto prima dell'entrata in vigore delle nuove norme Ue sulla protezione dei dati.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.