Giovani sempre più miopi: colpa di computer e cellulari

Share

Giovani sempre più miopi: colpa di computer e cellulari

"Cin cin dai, noi siamo speciali portiamo gli occhiali!".

Preoccupante il forte aumento dei giovani miopi, sarebbero 15 milioni in Italia le persone affette dalle patologie miopiche.

Stando a quanto dichiarato dall'Organizzazione Mondiale della Sanità sono 253 milioni i disabili visivi nel mondo, di cui 217 milioni di ipovedenti e 36 milioni di ciechi. E al limite, con qualche accorgimento, si potrebbe anche prevenire o ritardare la progressione del disturbo della vista.

Lo spiegano gli esperti che, in occasione della Giornata Mondiale della Vista in programma il prossimo 11 ottobre, vogliono riaffermare l'importanza di un bene prezioso ma spesso dato per scontato come quello della vista.

Secondo un recente studio pubblicato su Ophthalmology entro il 2050 metà delle persone potrebbero essere vittime della miopia, se non si prenderanno provvedimenti al più presto.

A preoccupare sono soprattutto i bambini, sempre più occupati a usare dispositivi tecnologici e videogiochi.

Tra i più piccoli, studi epidemiologici su popolazione europea, "mostrano che la prevalenza della miopia all'età di 9 anni è già del 12%".

Nel caso in cui si tratti di miopia acquisita (e non di tipo ereditario), due i consigli principali: "far stare almeno un ora al giorno i bimbi all'aria aperta, perché questo costringe l'occhio a utilizzare anche il campo visivo periferico, cosa molto importante, considerando che passano 6-8 ore al chiuso sui banchi di scuola", spiega Pertile.

Inoltre "utilizzare cellulari, pc e tablet, così come i libri, a distanza maggiore di 30 cm dagli occhi". Gli alimenti da preferire per chi soffre di problemi di miopia sono quelli ricchi di vitamina A, come la verdura e la frutta come kiwi, banane, mirtilli ecc e, in generale, tutti quegli alimenti ricchi di acidi grassi e omega 3.

Per incoraggiare la prevenzione e per avvicinare i bambini alla visita oculistica, in occasione della Giornata mondiale della vista, l'Agenzia internazionale per la prevenzione della Cecità-IAPB Italia onlus, in collaborazione con la Società Oftalmologica Italiana (Soi), offrirà 15mila visite oculistiche a chi non ne ha mai fatta una e in molte città italiane la popolazione potrà usufruire di check-up gratuiti nelle Unità mobili oftalmiche.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.