Dubbio Benassi, le scelte di Pioli: la probabile formazione della Fiorentina

Share

Dubbio Benassi, le scelte di Pioli: la probabile formazione della Fiorentina

Insieme ai compagni Chiesa sta preparando la trasferta di domenica con l'obiettivo di conquistare il primo successo esterno della stagione: finora la squadra viola fuori casa, dove ha affrontato tutti avversari difficili, ha ottenuto solo un punto (frutto dell'1-1 a Marassi con la Sampdoria) perdendo di misura a Napoli e tra mille recriminazioni per 2-1 a San Siro contro l'Inter. Contro queste squadre non bisogna mai mollare la presa, altrimenti se ne paga il prezzo. Una squadra che è parte del suo passato: "Nella mia Lazio c'erano giocatori di grande esperienza, per questo era una situazione totalmente diversa dalla Fiorentina di ora". La nostra deve essere una crescita continua perché siamo una squadra giovane. Su Gasperini ho già risposto, non mi interessa commentare ciò che dicono i nostri avversari.

Sul modulo: "Proseguiamo con il nostro modo di stare in campo".

"Una vittoria a Roma?". La nostra filosofia è quella di creare gioco e stare bene in campo. La nostra ambizione è quella di migliorare il campionato scorso ed essere pericolosi in ogni partita. Ci concentriamo solo sulla gara di domani che arriva prima della sosta e sarà delicata e importante. Non siamo concentrati sul futuro che dipende dai risultati. "Gli ho voluto molto bene, è stato un riferimento sia prima che dopo la tragedia che ci ha colpito". Mi fa piacere ritrovarlo, credo di avergli dato qualcosa, ma anche lui ha dato qualcosa a me.

La Fiorentina è la squadra di questo campionato che ha mandato più giocatori in gol di testa: ben tre, Benassi, Milenkovic, Simeone. La Lazio lo cerca spesso, è molto forte.

La Lazio ha vinto sei delle ultime nove partite di Serie A contro la Fiorentina (1N, 2P), trovando sempre la via del gol in questo parziale. "Servono tempo giusto e distanze corte, dobbiamo essere lucidi".

Su quale Lazio si aspetta: "Mi aspetto un avversario molto determinato". In più hanno perso anche in Europa League. Chi vince più duelli e conquista più palloni ha poi possibilità.

LE SCELTE CONTRO LA LAZIO - "Il nostro centrocampo è ben assortito indipendente da chi giocherà, poi vedremo chi sceglierò". Il lavoro è ben avviato. Alla Lazio avevo una squadra molto forte, ci siamo tolti grandi soddisfazioni. Il nostro percorso è diverso, ma abbiamo comunque qualità. "Dobbiamo fare un passo alla volta per arrivare a quel livello". Marko si sta allenando bene, è in buone condizioni. Simeone? Gli chiedo di non cambiare le sue caratteristiche: movimento, forza e generosità. Non giudico un attaccante dal numero di gol, anche se è molto importante. Mi piacerebbe vederlo più entusiasta, più sbarazzino e meno bloccato. Deve prendere la palla e fare quello che sa fare. Abbiamo tanto da dare e dobbiamo farlo senza pressione.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.