Diawara risponde sì a chiamata Guinea, il suo azzurro sarà solo Napoli

Share

Diawara risponde sì a chiamata Guinea, il suo azzurro sarà solo Napoli

Magnanelli e Locatelli avevano la funzione del doppio play per avere un senso tattico maggiore e leggere le situazioni prima rispetto alle mezzali, volevo questo tipo di lavoro riguardo al filtro a centrocampo quando aveva la palla il Napoli e per avere più pulizia anche in uscita, poi Djuricic e Boga ci davano una mano nel rientro in fase difensiva. La gara è iniziata in salita, a Torino abbiamo preso gol nella ripresa su calcio piazzato. Quando matureremo, se lo faremo, giocheremo in un altro modo. "Ho conosciuto anche Mertens, è sempre stato molto bravo, ed è un ottimo ragazzo, tutte qualità che lo rendono un giocatore importante e unico nel suo genere, ed è molto bello che giochi in una squadra come il Napoli". "Cambiando elementi, qualche meccanismo si perde ma è sempre difficile affrontare la partita e preparare una sfida al Napoli".

Rinuncia a Berardi e Di Francesco? "Sono giocatori determinanti per noi come Insigne o Allan nel Napoli". Lo stesso CT, infatti, ha dichiarato che "questa volta il giocatore risponderà presente". "Si sta evolvendo, sta prendendo l'idea di Ancelotti". Non tanto perché gioca meno bene, ma varia posizioni e calciatori. Contro Juve, Milan e Napoli abbiamo intanto perso in modo simile. Ha in mente di modificare qualcosa? Abbiamo sofferto ma non si può pensare di venire a Napoli e non soffrire, abbiamo subito diversi gol in questo modo.

Problemi difensivi? "I dati sulla difesa bisogna tenerli in considerazione, ma i gol vanno visti e interpretati".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.