Bimbo di 10 anni ucciso dalla madre: era gay

Share

Bimbo di 10 anni ucciso dalla madre: era gay

Nel capoluogo pugliese la pioggia ha creato disagi agli automobilisti a causa dei rallentamenti del traffico, ma al momento si transita ovunque senza problemi. Stefania Signore, 30enne di Gizzeria, ieri sera è andata a prendere i figli di 7 e 2 anni dai nonni, a Curinga, paese natale del marito Angelo Frijia. Erano le 20 circa quando acqua e vento avevano fatto ingrossare il fiume Cantagalli nella zona di San Pietro Lametino, frazione di Lamezia Terme. Risulta ancora disperso l'altro bambino di due anni. L'acqua ha raggiunto il metro e mezzo di altezza.

Le ricerche da parte dei vigili del fuoco e del soccorso alpino sono cominciate già la notte scorsa, dopo il ritrovamento della vettura, un'Alfa Romeo Mito, ferma con le quattro frecce accese e vuota, e dopo una drammatica telefonata di allarme del marito. Il bimbo più grande, il cui corpo è stato trovato poco lontano da quello della madre, aveva appena compiuto 7 anni: solo il 25 settembre scorso. La Procura lametina, quindi, si sta muovendo in tal senso, non tralasciando alcun elemento, mentre la macchina dei soccorsi continua a lavorare per cercare il piccolo di due anni proprio tra quel fango che ha strappato via due vite umane.

Qualche giorno fa una diciottenne si è buttata da un ponte che da sull'autostrada ed è morta.

Una tragedia, quella verificatasi a Larkfield - nel Kent, Inghilterra- che lascia sgomenti: una ragazza di soli 18 anni ha deciso di porre fine alla sua vita gettandosi da un cavalcavia che sovrasta l'autostrada M20. E per domani c'è ancora un'allerta arancione.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.