Simil influenza causata dagli sbalzi di temperatura: a letto 120mila italiani

Share

Simil influenza causata dagli sbalzi di temperatura: a letto 120mila italiani

Un settembre decisamente fuori controllo, che mette a letto oltre 120mila persone in pochi giorni.

Fra piogge tropicali, caldo estivo, freddo e aria condizionata in agguato quando si è appena sudato, cadere nella trappola dell'influenza non è poi così difficile. Ad oggi sono colpiti circa 80 mila pazienti ma presto si raggiungerà quota 120 mila. Con l'arrivo dell'aria artica, già presente sulle coste adriatiche e in arrivo anche al Centro, la situazione potrebbe peggiorare: le temperature scenderanno e lo sbalzo termico si farà sentire.

La notizia [VIDEO]non è sicuramente delle più confortanti per i cittadini italiani che, al rientro dalle vacanze, si ritrovano ad affrontare il primo vero virus già a settembre. "Sono in arrivo infatti giorni più rigidi, con le temperature pronte a scendere, quindi salirà notevolmente il numero delle persone ammalate", spiega il virologo Fabrizio Pregliasco dell'Università di Milano e direttore sanitario dell'Irccs Galeazzi di Milano.

Febbre, riniti, tosse e mal di gola vanno affrontati nel modo giusto perché, se trascinati nel tempo, riducono le difese immunitarie e ci fanno arrivare impreparati alla stagione influenzale vera e propria.

Secondo le dichiarazioni degli esperti, ciò che ha contribuito maggiormente alla diffusione del virus influenzale in questo mese di settembre è stato l'alto tasso di umidità causato dalle piogge e dal caldo anomalo. Ora però, come spiega la dottoressa Franca Mangianti, presidente dell'Associazione Bernacca, stanno arrivando correnti artiche che abbasseranno radicalmente le temperature.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.