Seat Arona TGI, il SUV va a metano

Share

Seat Arona TGI, il SUV va a metano

Al Salone di Parigi Seat svela Seat Arona TGI, il primo SUV a mondo alimentato a metano.

La Arona alimentata a metano è stata disegnata e progettata e sarà prodotta nello stabilimento di Martorell, cuore del marchio Seat.

Una potenza che raggiunge il valore massimo di 90 CV (tra i 4.500 e i 5.800 giri), mentre la coppia si attesta sui 160 Nm tra i 1.900 e i 3.500 giri.

Le prestazioni sono una velocità massima di 172 km/h, un'accelerazione 0-100 km/h in 12,8 secondi e un'autonomia pari a 400 km grazie ai tre serbatoi per una capacità totale di 14,3 kg.

Seat Arona_TGI serbatoi metano

Tecnicamente, le modifiche apportate da Seat in funzione del funzionamento a metano per la nuova Arona GTI che vedremo in anteprima al "Mondial de l'Automobile" 2018 riguardano una serie di aggiornamenti funzionali all'alimentazione a gas naturale: specifico rivestimento in Nickel-cromo per i pistoni a loro volta equipaggiati con fasce opportunamente "rivedute" per renderle compatibili con le caratteristiche del gas, valvole e relative sedi rinforzate, nuova conformazione "appiattita" per le rampe di chiusura delle valvole di aspirazione e scarico, con l'obiettivo di aumentare la resistenza all'usura dei componenti; inoltre, il turbocompressore è più leggero, per favorire i tempi di risposta della turbina e, conseguentemente, una erogazione più fluida della potenza. Nello specifico, la Arona TGI include tre serbatoi per il metano situati sotto uno specifico vano situato nel posteriore della vettura, un apposito bocchettone per il rifornimento posto accanto a quello per la benzina, tubi di scarico in acciaio inossidabile e un regolatore elettronico della pressione che gestisce efficientemente la distribuzione del gas all'interno del propulsore TGI.

Quarto modello a offrire un'alimentazione a metano, la Arona TGI punta a quella fetta di clienti che si è ormai fidelizzata con questo tipo di carburante alternativo ma è spesso costretto a "scegliere" auto dalle dimensioni più contenute o, al contrario, troppo costose se si pensa, ad esempio, all'Audi A5 G-Tron (prezzi da circa 44.000 euro). Per ovviare alla sfida costituita dall'avviamento in condizioni climatiche rigide, nonostante la Arona TGI utilizzi il metano come fonte primaria di alimentazione, la vettura avvia il motore a benzina in situazioni di temperatura esterna inferiore ai -10°, attivando di seguito un processo di riscaldamento dell'iniettore del gas e passando infine all'alimentazione a metano non appena le condizioni lo permettono. Considerando poi l'ulteriore alimentazione a benzina, l'autonomia totale cresce di altri 160 km.

In caso di esaurimento della riserva di metano nel serbatoio, il passaggio all'alimentazione a benzina è talmente fluido da risultare impercettibile per gli occupanti della vettura e un indicatore luminoso nel quadro strumenti sarà l'unico segnale dell'avvenuto cambio di alimentazione.

Sostanzialmente invariata nell'immagine esteriore rispetto alla gamma Seat Arona già in listino, la nuova declinazione TGI viene anch'essa articolata su quattro linee di allestimento: "Reference", "Style", "XCellence" e la più sportiva "FR".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.