Yemen, raid saudita contro uno scuolabus: almeno 43 morti, quasi tutti bambini


Yemen, raid saudita contro uno scuolabus: almeno 43 morti, quasi tutti bambini

Share

"I raid sono stati effettuati in conformità con il diritto internazionale umanitario e le sue regole abituali". Secondo Youssef al-Hadi, portavoce del ministero della Sanità controllato dagli Houthi, la maggior parte delle vittime ha meno di 15 anni.

La coalizione a guida saudita interviene militarmente in Yemen dal marzo 2015 a sostegno delle forze governative impegnate nella battaglia contro i ribelli Houthi, che hanno nella provincia di Sa'ada la propria roccaforte. Il bombardamento è stato probabilmente compiuto dalla coalizione guidata dall'Arabia Saudita che appoggia il governo dell'ex presidente yemenita Abdel Rabbo Mansour Hadi, nemico dei ribelli houthi. Da quando i ribelli houthi hanno preso il controllo della capitale Sana'a, nel 2014, in Yemen sono state uccise quasi 10mila persone, di cui la stragrande maggioranza civili: l'Arabia Saudita è intervenuta un anno dopo, ma finora non è riuscita a riprendere il controllo del paese.

Il conflitto in Yemen, la sua atrocità e la sua legittimità, sono oggetto di un aspro dibattito internazionale, che ha toccato anche l'Europa, l'Italia e la Sardegna.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.