Vaccini, l'Ordine dei Medici contro il rinvio dell'obbligo. Grillo: "No passo indietro"

Share

Vaccini, l'Ordine dei Medici contro il rinvio dell'obbligo. Grillo:

Il nuovo provvedimento è stato ritenuto irresponsabile dal presidente dell'istituto superiore della sanità, Walter Ricciardi, che ha ribadito come non in tutte le regioni si sia raggiunta la soglia vaccinale del 95%. Questa volta è il turno di Giorgio Trizzino, deputato ma soprattutto medico e direttore sanitario dell'Ospedale dei bambini di Palermo.

Esprime il suo dissenso attraverso un post di facebook, successivamente rimosso, in cui si distacca dalle idee del movimento e da quelle della stessa Ministra Grillo, anche lei medico catanese, che ha dichiarato di voler vaccinare il suo bambino. Se così fosse, alla riapertura delle scuole a settembre, i genitori dovranno presentare l'autocertificazione delle avvenute vaccinazioni obbligatorie dei figli per nidi e materne.

Trizzino prosegue su Facebook:"Non si ritenga che per garantire l'accesso agli asili nido ed alle scuole materne si possa immaginare qualsiasi forma di deroga sull'obbligo a vaccinare i bambini o che si ritengano inutili le vaccinazioni in età neonatale!"

Sull'argomento interviene anche la ministra della Sanità, Giulia Grillo, che sottolinea come l'iniziativa della deroga sia parlamentare, e non governativa, quindi non riconducibile al suo dicastero. "Sulle vaccinazioni lanciamo un appello al Parlamento, perché, nelle sue decisioni, rispetti sempre la scienza e metta il Ministro della Salute, Giulia Grillo, nelle migliori condizioni per lavorare", queste le parole del presidente della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri (Fnomceo), Filippo Anelli, all'indomani dell'approvazione, al Senato, dell'emendamento al decreto "Milleproroghe" che, di fatto, fa slittare di un anno l'obbligo vaccinale come condizione per l'ingresso alle scuole dell'infanzia e ai nidi. La fronda di politici contrari al gruppo ora si sposta alla camera.

Non si ritenga che per garantire l'accesso agli asili nido ed alle scuole materne si possa immaginare qualsiasi forma di...

"Il mio ruolo di direttore sanitario e di igienista - conclude Trizzino - mi impone di avere una posizione chiara sul tema ed è quello che farò senza equivoci o fraintendimenti". Il pentastellato afferma di "condividere in pieno la posizione della senatrice Fattori". "Ovviamente io rispetto la scelta del Gruppo cui appartengo e del Parlamento, ma per storia personale, professionale e, dolorosamente, di madre, non posso fare altro che dissociarmi dal mio Gruppo ed esprimere un indignato voto contrario".

Anche il vicepremier Luigi Di Maio ha espresso la sua opinione della tarda serata di sabato. "No, insieme a me - a rimarcare l'importanza, l'efficacia e la sicurezza dei vaccini - ci sono tutti i medici del mondo, tranne quei quattro cialtroni radiati che sono il riferimento dei no-vax", ha concluso facendo i "complimenti per il coraggio e la coerenza" a Elena Fattori, senatrice M5s, che ha votato contro lo slittamento dell'obbligo.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.