Turchia, banche italiane esposte per 16,8 miliardi di dollari. Bce preoccupata


Turchia, banche italiane esposte per 16,8 miliardi di dollari. Bce preoccupata

Share

Turchia, banche italiane esposte per 16,8 miliardi di dollari. Bce preoccupata

(Aggiornato alle ore 16,43) - Il titolo Unicredit è tra i peggiori del Ftse Mib sin dalle prime battute della seduta. A pesare sui corsi azionari è la forte svalutazione della lira turca, che sta penalizzando tutto il comparto bancario europeo.

Sembra inoltre che Unicredit sia una delle banche europee più a rischio nel caso di crack assieme a BBVA e BNP Paribas (pure in forte calo sulle rispettive Borse, ossia Madrid e Parigi).

Rilevanti anche le esposizioni delle banche francesi con oltre 37 miliardi, seguite da quelle della Gran Bretagna con 18,7 miliardi, Stati Uniti con 17,7 miliardi e Germania 17,4 miliardi. "Le nostre relazioni con la Turchia non sono buone in questo momento!".

Alle 10,30 UniCredit perde 3,24% a 13,99 euro. In Turchia Unicredit è presente con Yapi Kredi, quarta banca privata con 788 sportelli e 365,1 miliardi di asset, espressi in lire turche (circa 53 miliardi di euro). La banca è consolidata a patrimonio netto e il suo contributo al conto economico è rappresentato dalla quota di utili realizzati.

Il contributo di Yapi è salito nel trimestre del 28% annuo a cambi costanti, percentuale che scende a -3,4% se si tiene conto della svalutazione della lira turca. Si tratta di meno del 2% dei ricavi del gruppo.

(Teleborsa) - Sempre più drammatica la giornata borsistica di Unicredit, a picco e sui minimi a Piazza Affari con una discesa del 5,81% a 13,62 euro.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.