Punta da una medusa: muore una bimba italiana di 7 anni


Punta da una medusa: muore una bimba italiana di 7 anni

Share

Punta da una medusa: muore una bimba italiana di 7 anni

Se non si hanno a disposizione medicamenti fare scorrere un po' di acqua di mare per diluire la sostanza non ancora penetrata. La piccola, che si trovava in gita nell'isola di Sabitang Laya con la madre di origine filippina, uno zio e un cugino, stava raccogliendo conchiglie in un tratto di mare vicino alla spiaggia, quando ha urlato dal dolore. Ci sarebbe voluta più di mezz'ora di barca ed altri 10 minuti per arrivare in ospedale.

La vespa di mare rientra nel novero delle meduse più mortali presenti nei mari terrestri e, di conseguenza, nel ristretto cerchio degli animali più pericolosi presenti al mondo, responsabile di un'elevata percentuale di decessi in relazione a punture di celenterati, specie lungo le coste australiane. Il timoniere che ha condotto la famiglia a fare il bagno in un'isola dove si è consumata la tragedia ha spiegato: "Avevo avvertito i turisti di rimanere solo un quarto d'ora". Quest'ultimo ha riferito che l'arto della ragazza era diventato rapidamente viola: una reazione provocata dal contatto con la medusa, un esemplare della specie Chironex fleckeri, più nota come "vespa di mare" o "cubomedusa", uno degli esseri più velenosi del mondo. "Penso alla Caravella portoghese, molto diffusa in Australia", o alla medusa scatola. Bisogna evitare di grattarsi o di strofinare la sabbia sulla parte colpita, ma anche di usare ammoniaca, aceto, alcool o succo di limone, che non farebbero che peggiorare la situazione. La morte è stata causata da una violenta reazione allergica al morso della medusa e sarebbe stato necessario un intervento immediato per salvare la piccola. Ma sulla barca della piccola Gaia non c'era nulla. E lei e' morta e non tornera' piu' in Italia. "Stava cercando di rimuovere dei pezzi di tentacolo dalla gamba, al punto che se li è trovati sulle mani", ha raccontato la mamma della bambina alla tv locale ABS-CBN News. Nel caso, anche se non dipende dalla nostra volontà, ce ne scusiamo con i lettori. Molto urticante ma meno pericolosa delle "cugine" tropicali, i suoi effetti non possono essere paragonati a quelli letali che arrivano ad uccidere un uomo in pochi minuti.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.