Norvegia, si innamora di una rifugiata iraniana. Lascia il ministro xenofobo

Share

Norvegia, si innamora di una rifugiata iraniana. Lascia il ministro xenofobo

Sandberg si innamora proprio di lei che rappresenta tutto quello che il ministro ha sempre detestato, combattuto.

A luglio la coppia chiacchierata si è recata in viaggio proprio in Iran, Paese che la Norvegia considera a rischio con tanto di foto ricordo postate sui social: l'ex Miss in Iran però non potrebbe più metterci piede e le polemiche sia in patria che in Scandinavia si sono complicate a tal punto da far chiedere le dimissioni da parte delle opposizioni al Ministro per la Pesca.

Fino a qualche tempo fa Sandberg diceva: "Le culture non si mescolino". "Fermiamo gli zingari alla dogana, portano solo guai".

Nel primo pomeriggio di oggi, a causa della diffusione di - per aver infranto le regole di sicurezza durante un viaggio privato in Iran con la sua fidanzata - è stato costretto a dimettersi.

Poi è arrivato l'amore per l'ex reginetta di bellezza Bahareh Letnes, fuggita dall'Iran non ancora maggiorenne per evitare un matrimonio combinato. La sua politica è fortemente xenofoba: tra le sue proposte si ricorda quella del braccialetto elettronico per gli stranieri in attesa di asilo, la chiusura delle frontiere norvegesi ai non europei e l'espulsione per gli immigrati che rientrano nel loro Paese per le vacanze.

Un'altra contestazione rivolta all'ex ministro riguarda l'aver portato a Teheran il cellulare di lavoro, esponendo la Norvegia allo spionaggio degli ayatollah. Il telefono ora è stato messo sotto sequestro dalle autorità scandinave. Bahareh è arrivata in Norvegia all'età di 16 anni e per tre volte si è vista rifiutare la richiesta di asilo politico. Nei giorni scorsi la storia di Per Sandberg, ex ministro della pesca norvegese, ha fatto il giro del mondo. Esponente del Partito del progresso, Sandberg è conosciuto come uno degli esponenti più critici verso l'immigrazione in terra scandinava.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.