Marcinelle, Moavero: "Siamo stati anche noi degli emigrati, ricordiamolo quando arrivano"

Share

Marcinelle, Moavero:

Non si è dunque fatta attendere la risposta (durissima) della Lega: "Moavero manca di rispetto agli italiani".

LEGGI ANCHE Strage di braccianti, la procura: "No coinvolgimento mafia". Sono stati tanti gli italiani "che lasciarono le terre natie cercando all'estero un futuro migliore per sé e per i propri figli, spesso affrontando viaggi incerti e pericolosi, condizioni impervie di vita", ha ricordato il ministro nel suo messaggio. "Siamo stati, fino ai primi anni sessanta del ventesimo secolo, appena ieri, una nazione di emigranti nel mondo".

"Siamo stati una nazione di emigranti, siamo andati stranieri nel mondo cercando lavoro" e bisogna ricordarlo "quando vediamo arrivare in Europa i migranti della nostra travagliata epoca''".

"La libertà di circolazione dei lavoratori - insiste Moavero - rappresenta un oggettivo, nodale risultato positivo dell'integrazione del 'vecchio continente'". "Gli italiani emigrati e i loro discendenti - continua - hanno saputo inserirsi, a pieno titolo, con valore e vigore, nelle realtà estere in cui si erano recati. Le arricchirono con la loro opera, intellettuale e manuale", aggiunge il ministro Maovero. Anche in Europa, siamo andati stranieri, in Paesi stranieri, cercando lavoro. Il ministro ha parlato della necessità di avere una "visione comune" soprattutto sul fronte confini esterni e sul processo di stabilizzazione della Libia. Noi, ha proseguito, "siamo per la distribuzione, che deve tener conto che si tratta di esseri umani e non di merci che possiamo far circolare senza tener in conto il loro parere".

Fratelli d'Italia ha però giudicato inopportune le parole del titolare della Farnesina: "Il richiamo di Moavero o è inutile o è fuorviante rispetto alla necessaria azione per impedire una invasione di clandestini che con gli emigranti italiani non c'entra nulla - ha detto il capogruppo di FdI alla Camera, Francesco Lollobrigida - il ministro degli Esteri eviti paragoni impropri e offensivi".

Di tutt'altro avviso la Lega.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.