La zanzara West Nile fa altre vittime a Ferrara: le caratteristiche dell'infezione

Share

La zanzara West Nile fa altre vittime a Ferrara: le caratteristiche dell'infezione

Il virus West Nile uccide ancora. Si tratta di una persona residente a Trieste di 80 anni, che ha soggiornato per due settimane nel litorale veneziano, e di due residenti nei Comuni di competenza dell'Ulss 4: una donna di 53 anni per la quale non è stato necessario il ricovero, e un anziano di 83 anni ricoverato in ospedale con un quadro di maggiore gravità. I due decessi si aggiungono a quello avvenuto negli ultimi giorni di luglio di un paziente residente a Cento. In media solo in un caso su 10mila la malattia si manifesta con caratteristiche particolarmente accentuate e tali da presentare gravissime complicazioni. In genere, il decorso è asintomatico o si può presentare con una lieve febbre accompagnata da cefalea, dolori muscolari ed eruzioni cutanee. In provincia di Ferrara i casi di malattia neuro invasiva sono finora sei (tre tuttora ricoverati).

Dal 15 giugno - ricorda la Ausl - è attivo il sistema regionale di sorveglianza delle Arbovirosi che prevede la sorveglianza integrata entomologica, veterinaria e umana, per il rilevamento precoce della circolazione del virus West Nile tramite cattura di uccelli e zanzare per la ricerca del microrganismo patogeno.

I tecnici dell'Istituto zooprofilattico della Sardegna hanno individuato nella zona dell'aeroporto di Alghero due "pool" di zanzare risultate positive al test della Febbre del Nilo.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.