Dopo il caso Mura, M5S pubblica la top ten degli assenteisti

Share

Dopo il caso Mura, M5S pubblica la top ten degli assenteisti

Un 100% che porta Giuliodori ad insignirsi, per il momento, del titolo sui generis di onorevole più presente dell'intera pattuglia marchigiana, composta da 24 parlamentari (16 Camera e 8 Senato).

"Noi il nostro (Andrea Mura, ndr) lo abbiamo espulso, voi siete disposti a fare altrettanto coi vostri?".

Seguono i parlamentari di Governo: Dario Galli è stato presente solo a 26 votazioni in aula ma era registrato come in missione durante le altre 188; poi Giancarlo Giorgetti risultato in missione per il 96% delle votazioni d'aula.

La più assente alla Camera dei deputati è l'animalista di Forza Italia, Michela Vittoria Brambilla (eletta alle scorse Politiche nel collegio uninominale Lombardia 1 battendo l'ex deputato ed ex sindaco Pd di Corbetta Francesco Prina); Brambilla è stata assente al 99.55% delle votazioni, partecipando quindi a una sola seduta. "Tra i più assenteisti troviamo anche Piero Fassino - scrivono i Cinque Stelle -".

Sulle 220 votazioni fin qui elaborate dai lavori della Camera, ebbene Giuliodori ha fatto il massimo facendo registrare 220 partecipazioni al voto su 220!

"Erasmo Palazzotto di Liberi e Uguali segue con l'88,69%, mentre Carolina Varchi di Fratelli d'Italia ha l'88,24% di assenze alle votazioni".

Sul sito, infatti, sono registrate quotidianamente le presenze, le assenze e le attività di deputati e senatori nelle aule parlamentari. Nel dettaglio si tratta di: Paolo Romani (ha partecipato a una sola votazione), Niccolò Ghedini (92.44% di assenze) e Giacomo Caliendo (83.11%).

Quello che in assoluto oltre a stazionare permanentemente sullo scranno dell'aula del Senato, ha anche presentato il maggior numero di disegni di legge è Gaetano Nastri, senatore di Fratelli d'Italia (40 come primo firmatario e 46 come cofirmatario). "Da segnalare anche Licia Ronzulli, sempre di Forza Italia, con il 79.11% di assenze (ha votato 47 volte su 225 votazioni)".

I 'grillini' lanciano un appello ai 'vecchi partiti' sul loro blog: "Una situazione vergognosa, parlamentari pagati fior di quattrini che snobbano il Parlamento". Chi non partecipa all'attività parlamentare, senza delle reali motivazioni e non rappresenta fedelmente l'elettore da cui esclusivamente dipende, deve essere punito! Al Senato invece: "Renzo Piano, Liliana Segre, Mario Monti e Carlo Rubbia (senatori a vita)", concludono i pentastellati.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.