Cancro al pancreas: cannabidiolo sugli animali triplica la sopravvivenza


Cancro al pancreas: cannabidiolo sugli animali triplica la sopravvivenza

Share

Cancro al pancreas: cannabidiolo sugli animali triplica la sopravvivenza

Cancro al pancreas, un composto di cannabis triplica aspettative di vita.

Uno studio condotto dalla Queen Mary University di Londra e la Curtin University in Australia ha messo in evidenza che una molecola contenuta nella cannabis, ovvero il cannabidiolo, se associata alla chemioterapia triplica la sopravvivenza dei topi malati di tumore al pancreas. Il ricercatore principale, il professor Marco Falasca afferma: "Questo è un risultato notevole". Secondo le rilevanze empiriche dello studio, la molecola, del tutto naturale, se aggiunta al prodotto farmaceutico, sarebbe in grado di rallentare in modo sostanziale il decorrere della patologia tumorale.

In particolare, i topi sottoposti al doppio trattamento sono sopravvissuti, in media, 56 giorni, contro i 23,5 dei topi sottoposti a sola chemioterapia con Gemcitabina e i 20 delle cavie non sottoposte ad alcuna cura.

Il CBD cannabinoide non causa effetti psicoattivi, al contrario del tetraidrocannabinolo (THC). Il cannabidiolo è già approvato per l'uso clinico, rileva, "e ciò significa che potremo rapidamente passare ai test clinici su pazienti. Se riusciremo a replicare gli stessi risultati sulle persone, il cannabidiolo potrebbe entrare in uso quasi immediatamente senza dover aspettare i tempi tecnici di approvazione di ogni nuovo".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.