Usciti altri due ragazzini, l'obiettivo oggi è di salvarli tutti

Share

Usciti altri due ragazzini, l'obiettivo oggi è di salvarli tutti

Non c'è, dunque, solo Elon Musk con le sue idee e i suoi ingenieri a Tham Luang, mandati sul posto per studiare un salvtaggio adeguato ai ragazzi.

E così, da quando domenica scorsa è partita questa fase finale delle operazioni, sono già otto i ragazzi messi in salvo. "Tutti i 13 Cinghiali sono ora fuori dalla grotta", hanno scritto ancora i Navy Seal thailandesi. Sono aiutati da altri 50 sub, provenienti da tutto il mondo e da duemila soccorritori. Per altri 4 ragazzi e per il loro allenatore il recupero slitta a domani per ricaricare le bombole. Ma l'operazione di salvataggio procede con successo. Le operazioni di soccorso sono state seguite passo dopo passo, il percorso sotterraneo prevedeva passaggi subacquei complicati e restringimenti difficili per dei bambini che a mala pena sapevano nuotare. Fornisce dettagli sulle condizioni degli otto ragazzi portati finora in salvo dalla grotta che li ha quasi seppelliti.

Anche il primo piccolo calciatore estratto dalle cavità, che era sembrato particolarmente indebolito, starebbe pian piano riprendendosi, grazie alle cure dell'equipe di 30 medici a cui sono stati affidati i superstiti.

Massimo riserboLe autorità non hanno ancora reso noto i nomi dei giovani già estratti e ai genitori è impedito di accedere agli ospedali dove questi sono ricoverati.

I loro familiari, per il momento, hanno potuto vederli solo attraverso un vetro.

A preoccupare sono le infezioni che potrebbero aver contratto da pipistrelli, funghi presenti nella grotta o topi. Lo ha detto ai reporter oggi il primo ministro thailandese Prayuth Chan-ocha in un filmato diffuso su Twitter. Ad annunciarlo in conferenza stampa il governatore della provincia di Chiang Rai, Narongsak Ossttanakorn, precisando che i giovani sono stati condotti in ospedale per controlli ma "stanno bene".

Dopo oltre due settimane di prigionia forzata nelle viscere della montagna, tutti i componenti del gruppo sono stati estratti dalla grotta, vivi e in buone condizioni di salute. Ma, assicurano i sanitari, "tutti i ragazzi hanno un buon sistema immunitario proprio perché sono degli sportivi".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.