Papa Francesco: non c'è alternativa alla pace in Medio Oriente

Share

Papa Francesco: non c'è alternativa alla pace in Medio Oriente

Basta usare il Medio Oriente per profitti estranei al Medio Oriente! Dopo l'atterraggio dell'elicottero nel piazzale Cristoforo Colombo, il Papa è stato accolto dall'Arcivescovo di Bari-Bitonto, mons. Francesco si è poi trasferito in auto alla Basilica Pontificia di San Nicola dove ha salutato singolarmente ciascun patriarca. La visita di Papa Francesco a Bari è la sesta di un Pontefice a questa importante città ponte tra Oriente e Occidente. Si conclude cosi la parte ufficiale di questo incontro a Bari per la pace in Medio Oriente.

Per maggiori informazioni sui cookie, conoscere i cookie utilizzati dal sito ed eventualmente disabilitarli, consulta la nostra Informativa sulla Privacy. "Solo una soluzione negoziata tra Israeliani e Palestinesi, fermamente voluta e favorita dalla Comunità delle nazioni, potrà condurre a una pace stabile e duratura, e garantire la coesistenza di due Stati per due popoli". Lì "la guerra - ha detto Papa Francesco leggendo il messaggio in comune con gli altri leader cristiani - è la piaga che tragicamente assale quest'amata regione".

Pensiamo alla martoriata Siria, in particolare alla provincia di Deraa. La guerra è figlia del potere e della povertà. Ma la violenza è sempre alimentata dalle armi. Non si può alzare la voce per parlare di pace mentre di nascosto si perseguono sfrenate corse al riarmo. Basta alle occupazioni di terre che lacerano i popoli! Non si dimentichi il secolo scorso, non si scordino le lezioni di Hiroshima e Nagasaki, non si trasformino le terre d'Oriente, dove è sorto il Verbo della pace, in buie distese di silenzio.

Francesco ha concluso il suo appello ricordando che "la speranza ha il volto dei bambini". Questa è la morte della speranza. L'umanità ascolti - vi prego - il grido dei bambini, la cui bocca proclama la gloria di Dio (cfr Sal 8,3).

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.