Napoli prima provincia italiana per il consumo di internet

Share

Napoli prima provincia italiana per il consumo di internet

Trattasi di ben 7000 dati e 107 mappe che permettono di scattare una perfetta fotografia sia dello sviluppo della banda larga che dell'utilizzo che ne fanno le persone, regione per regione e provincia per provincia. Unestensione pari a 41 volte la distanza terra-luna, quasi 400 volte la circonferenza del nostro pianeta.

È possibile così verificare la copertura adsl, fibra, 4G e 4G plus e i volumi di traffico internet da rete fissa, con una chiave di lettura temporale degli ultimi quattro anni, con i dati che sono aggiornati a fine 2017.

Nel pubblicare online, quindi, una vera e propria enciclopedia dello sviluppo dell'accesso ad Internet, la società ricorda, tra l'altro, come attualmente il 78% della popolazione totale, pari a 19 milioni di famiglie, acceda alla rete TIM potendo fruire di collegamenti a banda ultralarga rispetto al 28% di tre anni fa.

A darne notizia è stata proprio la TIM nel precisare in particolare che sul sito Internet sono stati pubblicati tutti i dati sullo sviluppo della rete a livello provinciale e regionale. Investimento di oltre 9 miliardi di euro negli ultimi tre anni ha consentito di migliorare prestazioni e capillarità della rete TIM. Non solo perché l'azienda per permettere di avere una piena accessibilità alle informazioni raccolte, dalla sezione “Download” garantisce la possibilità di scaricare tutti i dati in modalità “open data” o scaricare il “Netbook” in formato pdf. Numeri che mettono in risalto alcune informazioni molto preziose, come, per esempio che a fine 2017 la copertura nazionale in banda ultralarga fissa di TIM ha già raggiunto il 77% delle case. A livello regionale superano l'80% di copertura 7 regioni, con in podio Sicilia, Puglia e Liguria. A livello provinciale la copertura maggiore è stata rilevata a Milano, Bari, Napoli e Prato con una percentuale che va oltre il 93%.

I dati dicono che la copertura nazionale della rete 4G LTE raggiunge il 98% del territorio, con 7257 comuni in tutto.

Tornando al dato globale solo nel corso dell'ultimo anno gli utenti della rete TIM hanno generato su rete fissa un volume di traffico dati di oltre 7 miliardi di gigabyte. Il consumo medio di banda mensile per linea fissa è passato inoltre da 66,1 a 82,9 gb/mese, in crescita del 25% sull'anno precedente.

In particolare, Brindisi si colloca al sesto posto nella classifica delle province italiane che generano più traffico, dopo Napoli, Crotone, Palermo, Prato e Siracusa, e prima di Reggio Calabria.

Questo significa, in termini di fruizione di contenuti video, circa unora in più al giorno trascorsa davanti ad un PC o comunque con qualsiasi device connesso alla rete. Napoli - che è la prima citta italiana per dimensione del nucleo familiare (2,8 componenti per famiglia) - è anche la prima in termini di consumo medio mensile di banda (110 gb/mese).

Ti potrebbe interessare anche.

.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.