Marte si avvicina alla Terra: a mezzanotte la distanza minima

Share

Marte si avvicina alla Terra: a mezzanotte la distanza minima

Marte torna a far parlare di sé.

Il Pianeta Rosso, sempre al centro delle cronache e dell'attualità (è recente la scoperta di una fonte d'acqua liquida sotterranea), raggiungerà il punto di migliore osservazione verso la mezzanotte tra oggi, 31 luglio, e domani 1 agosto.

Questa sera, martedì 31 luglio 2018, Marte si troverà poco distante dalla Terra, esattamente alla minima distanza di 57.590.630 chilometri. La distanza media fra la Terra e Marte è di circa 225 milioni di chilometri, spaziando da un massimo di 402,3 milioni di chilometri a 54,6 milioni di chilometri l'uno dall'altro.

Silvia Casi dell'Osservatorio di Capodimonte dell'Istituto Nazionale di Astrofisica (Inaf) spiega: "Quando Marte è in opposizione e cioè dalla parte opposta del Sole rispetto alla Terra, si verifica un allineamento tra i pianeti e la stella, con la Terra nel mezzo". A partire da metà agosto, poi, la sua luminosità inizierà a essere più debole. Un evento che si ripete ciclicamente circa ogni 26 mesi, ma una distanza così ravvicinata non veniva raggiunta da ben 15 anni (dal 2003). Le distanze variano anche per il disturbo dovuto all'attrazione gravitazionale di Giove.

"Si tratta di un fenomeno interessante, perché durante l'opposizione il pianeta rosso è completamente illuminato dal Sole e alla distanza minore dalla Terra". Il telescopio Hubble, infatti, come riporta la Nasa, in questi mesi estivi ha approfittato delle opposizioni di Saturno e Marte per scattare immagini dei due pianeti, entrambi colpiti da violente tempeste: Saturno nell'emisfero settentrionale e Marte in quello meridionale. Questi momenti di avvicinamento sono importanti anche a livello scientifico perché sono occasioni per dare il via a nuove missioni. Palesemente una bufala. "Non è vero che il 31 luglio Marte appare grande come la Luna".

Vogliamo inoltre ricordarvi che Marte non sarà assolutamente grande come la Luna, come si legge in una delle tante fake-news che fanno il giro dei social network. "Se così fosse - rileva la Nasa - sulla Terra avremmo enormi problemi legati all'attrazione gravitazionale di Marte e Luna insieme".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.