La più lunga eclissi lunare del secolo avrà luogo il 27 luglio


La più lunga eclissi lunare del secolo avrà luogo il 27 luglio

Share

La più lunga eclissi lunare del secolo avrà luogo il 27 luglio

Eclissi totale di Luna, occhi all'insù il 27 luglio prossimo. Per 103 minuti, nella notte tra il 27 e il 28 Luglio, il cielo si tingerà di rosso regalando alla Terra una spettacolare eclissi di luna. Sia la luna che Marte saranno visibili soltanto a occhio nudo ma, attraverso un binocolo o un telescopio, si potranno osservare anche i crateri o i mari del satellite della Terra. In precedenti articoli abbiamo parlato di tutti i particolari dell'evento spiegandoli nel dettaglio e di come vedere al meglio lo spettacolo più atteso del mese di luglio.

L'altra particolarità dell'eclissi di luna sarà la particolare e suggestiva colorazione di rosso della luna; il satellite sembrerà quasi essere in fiamme per via della sua posizione e di quella dei corpi celesti; in questo modo potrà riflettere i raggi del Sole.

Il 27 luglio in Italia l'eclissi inizierà alle ore 21,30 e terminerà alle 23,30.

C'è anche il caso delle eclissi anulari, che si verificano quando la Luna è alla massima distanza dalla Terra e il suo diametro ridotto non riesce a coprire interamente il Sole. Il fenomeno parziale inizierà circa un'ora prima, quando la Luna comincerà ad attraversare il cono di penombra della Terra alle 19:14. Per poi richiudere l'asse di apparizione all'una e mezza del mattino del 28 luglio.

Come spiega Amanda Bosh, professoressa di Astronomia al Massachusetts Institute of Technology (MIT), la Luna si troverà nel suo punto più lontano dalla Terra, chiamato apogeo, durante l'eclisse.

L'Associazione Astrofili Orione propone un'osservazione pubblica dal rifugio di Pratorotondo, sul Beigua, e non solo di osservare ma anche di fare delle vere e proprie misurazioni: infatti basta un piccolo telescopio e una macchina fotografica e durante un'eclissi di Luna si riescono a fotografare insieme le stelle vicino alla Luna.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.