Fecondazione in vitro, nati 8 milioni dal 1978

Share

A quasi 40 anni dalla nascita della prima bambina grazie alla fecondazione assistita, Louise Brown, sono stati presentati alcuni dati a riguardo dal 34esio Congresso della Società Europea di Riproduzione Umana ed Embriologia (ESHRE), in corso a Barcellona, che ha fatto notare come siano quasi 8 milioni le persone oramai nate grazie a questa tecnica che, di fatto, ha sensibilmente abbattuto il tasso di infertilità soprattutto nei Paesi maggiormente industrializzati. La ricerca del biologo Robert Edwards e del ginecologo Patrick Steptoe, era durata già nove anni, ma nessuno era convinto che avrebbe portato alla nascita di bambini sani. Rispetto ad altri Paesi Ue, rileva il presidente del Consorzio europeo Eshre per il monitoraggio dell'Ivf, Christian de Geyter, in Italia la disponibilità di trattamenti di fecondazione assistita è "considerevolmente minore". Uno studio ha calcolato che la necessità globale di trattamenti avanzati per la fertilità è di circa 1.500 cicli per milione di abitanti l'anno.

La cifra odierna degli 8 milioni di bimbi nati in vitro in 40 anni, calcolata grazie ai dati dei registri nazionali dal 1991 al 2014, rappresenta comunque un forte aumento nell'uso dei trattamenti contro l'infertilità: le stime indicano che in media oltre mezzo milione di bambini nascono ogni anno grazie alla Pma e che in tutto vengono effettuati oltre 2 milioni di cicli di trattamento.

Pma Italia: milioni di bambini nati in provetta con le tecniche di Pma.

In Europa i tassi di gravidanza restano stabili per Fivet e Icsi intorno al 36%. Le probabilità di successo aumentano con l'impiego degli embrioni di cinque giorni (blastocisti) rispetto a quelli di tre giorni. I tassi di gravidanza associati all'ovodonazione continuano a salire e attualmente raggiungono il 50%. Cala invece la percentuale di gravidanze gemellari, che nel 2015 si ferma al 14% del totale. Questo anche perché aumenta il tasso di trasferimento di singoli embrioni: dall'11% nel 1997 al 38% nel 2015. Al secondo posto si classifica la Russia, dove nel 2015 sono stati eseguiti 110.723 cicli di trattamento, seguita dalla Germania con 96.512 cicli e dalla Francia con 93.918 cicli.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.