De Laurentiis, colpo mercato è Ancelotti

Share

De Laurentiis, colpo mercato è Ancelotti

I motivi sono tanti. "Ma magari fra 10 anni si dirà che nel 2018 sono tornati CR7 e Ancelotti..." La sfida è sempre la stessa: di rendere competitivo questo Napoli. Se siamo dentro a tutte le competizioni a marzo/aprile, poi faremo i conti.

CRISTIANO RONALDO ALLA JUVE - "Ronaldo è tra i migliori calciatori al mondo, forse il migliore".

Mercoledì 11 alle 12:30 Carlo Ancelotti inizierà a tutti gli effetti la sua avventura alla guida del Napoli con la conferenza stampa di presentazione a Dimaro in occasione del ritiro precampionato del club partenopeo.

Difficoltà o vantaggio avere una fisionomia di gioco già definita? De Laurentiis ha poi lanciato una frecciata alla Juventus: "In Italia - ha detto abbiamo fatto un passo avanti con il Var per cui mi sono battuto". La filosofia e lo stile rimarranno uguali.

Arriverà anche un top player, Ancelotti? Una cosa molto importante è quella di mantenere la squadra attuale, poi quello che riguarda i top players non sono quelli che guadagnano di più. Stiamo scegliendo i profili giusti insieme alla società. Può giocare lì o tra le linee o come esterno, ma non come ala. Mi piace molto l'ambiente e la città, per questo ho scelto il Napoli. Quando vai da Murdoch te le devi giocare bene le tue carte, non con manager che difendono il proprio posto. "Qui c'è un bel gruppo". Non credo che avrò problemi. Tecnicamente molto forte. Karnezis è esperto, lo aiuterà a crescere. Inglese ha fatto molto bene col Chievo, non è giovanissimo però ha potenzialità secondo me e Fabian è un giovane già completo, non può giocare davanti alla difesa ma gioca pure centro-destra essendo mancino. "Il Napoli ha fatto il massimo ed è quello che vogliamo fare anche noi". "Potrò variare l'atteggiamento tattico". Così come il progetto della società che vuole crescere. E' stato scritto che ho parlato con Cristiano, Benzema, Di Maria, Cavani, David Luiz.

"Non sono venuto qui a pettinar le bambole ma per vincere". Si rivedono i passaggi in verticale più lunghi, un modo per affinare la tecnica e ricercare la profondità: la prima esercitazione con il pallone, prima di quella dedicata al pressing in un nove contro nove più un jolly inedito, Chiriches, con altri quattro, due per parte, pronti a subentrare. Il calcio italiano ha mostrato molta incertezza, s'è deciso nelle ultime gare. Margini di crescita ci sono? E' una squadra che è già cresciuta, in Italia è stata al top. "Meret ha le caratteristiche che cerchiamo in un portiere".

L'obiettivo è di fare almeno gli ottavi di Champions? . "Certo, è uno degli obiettivi".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.