Bekaert, tavolo al Mise: "azienda conferma licenziamenti"

Share

Bekaert, tavolo al Mise:

"Due le questioni su cui registriamo piccole vittorie da parte dei lavoratori: la prima riguarda la possibile reindustrializzazione dello stabilimento, anche se non a competitor, quindi si tratterà di una riconversione; la seconda riguarda i tempi di allungamento della procedura".

"Il management - dichiara Bekaert - ha confermato l'intenzione di avviare al più presto un dialogo costruttivo teso ad attenuare l'impatto sociale per i 318 dipendenti interessati e collaborerà a possibili soluzioni di reindustrializzazione che potrebbero delinearsi". "Il tempo è strategico - sostiene Daniele Calosi (Fiom-Cgil) - ed è necessaria una trattativa senza pistola alla testa". Così il segretario generale della Fiom Cgil, Francesca Re David, al termine dell'incontro sottolineando che "non si può discutere con la procedura aperta, ossia con il cappio al collo dei licenziamenti che decorrono, non a caso la procedura è stata avviata a ridosso di agosto e si sa che questo mese non è il migliore per mandare avanti delle trattative". Oggi abbiamo vinto una piccola vittoria, ma la battaglia è ancora lunga e non smetteremo di combattere. C'è bisogno di tutti per dare un destino diverso allo stabilimento di Figline. Nella sede di Confindustria Toscana è avvenuto il primo faccia a faccia fra rappresentanti dei lavoratori e la multinazionale belga (che aveva disertato un precedente incontro al Mise) e sembra, almeno questo dicono i sindacati, che un piccolo spiraglio si sia aperto. "Ladri e criminali in giacca e cravatta". Ho detto che c'è anche un problema di politica industriale: "a quanto mi risulta i volumi produttivi degli accordi commerciali di Pirelli con questa azienda non si sono affatto ridotti". Speriamo che domani al tavolo a Roma finalmente il governo ci sia: "le istituzioni devono fare la loro parte". "In molti casi si tratta di aziende che prendono valanghe di soldi pubblici e poco dopo delocalizzano".

Il ministro Di Maio "ha assicurato il suo massimo impegno al fianco dei lavoratori richiedendo accanto al sindacato di sospendere la procedura di licenziamento che tra 61 giorni sarà operativa, lasciando a casa i lavoratori".

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.