Ventenne ucciso a Genova, Salvini: "Sono vicino al poliziotto indagato"


Ventenne ucciso a Genova, Salvini: "Sono vicino al poliziotto indagato"

Share

Ventenne ucciso a Genova, Salvini:

"Apriamo i porti", #NotInMyName, "nessuna persona è illegale", "no Salvini", "l'unica razza è quella umana": sono alcuni degli slogan che si sono visti in piazza Scala a Milano dove migliaia di milanesi - cinquemila secondo gli organizzatori - sono scesi in piazza per dimostrare la propria vicinanza ai migranti dell'Aquarius e per dimostrare tutta la propria contrarietà al neo ministro dell'Interno, il leghista Matteo Salvini, che ha chiuso i porti proprio per evitare gli sbarchi dei migranti.

La nave Aquarius ha ricevuto l'istruzione dal Centro di coordinamento del soccorso marittimo (MRCC) di Roma di restare in standby nella posizione attuale (35 miglia dall'Italia e 27 miglia da Malta). Sono state complessivamente sei le operazioni di soccorso effettuate. Dopo ore di stallo, la Spagna si è offerta di accogliere la nave con i migranti (TUTTI GLI AGGIORNAMENTI). Il ministro dell'Interno Matteo Salvini in accordo con il ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture, Daniele Toninelli - scrive Schermi- ha negato l'accesso ai porti italiani. Per le altre due navi delle Ong che navigano vicino alla Libia Salvini ribadisce il no all'attracco.

Alla fine c'ha pensato il governo spagnolo ha risolvere la situazione offrendosi di accogliere la nave e i migranti nel suo porto di Valencia, che però dista più di 1.500 chilometri facendo, comunque, una grande figura a livello internazionale e mostrando la pochezza di un Paese, il nostro, senza scrupoli, capace di giocare a braccio di ferro con gli altri Stati usando la vita di poveri disperati.

VITTORIA! 629 immigrati a bordo della nave Aquarius in direzione #Spagna, primo obiettivo raggiunto! Lo ha detto Angelo Grattarola, direttore del reparto di chirurgia d'urgenza dell'ospedale San Martino che stamane ha accompagnato il capo della polizia Franco Gabrielli nella visita al poliziotto ferito, il sovrintendente Paolo Petrella, 55 anni. Anzi, Salvini ha addirittura detto di avere proposto il trasbordo di donne e bambini.

Se una riforma del Regolamento Dublino è indispensabile, il criterio per rivendicarla in Europa non deve essere quello della convenienza che risponde a logiche di propaganda politica, che sembra prevalere oggi, ma quella della solidarietà.

Mentre Salvini e Malta si rimbalzavano il dovere di accoglienza dei migranti i commenti sul web hanno alimento la portata scandalistica del caso Aquarius.

Nei prossimi giorni l'Unhcr pubblicherà il suo rapporto sui rifugiati nel mondo e, a meno di straordinari e imprevisti cambiamenti, si confermerà un dato noto a tutti e preoccupante: gli sfollati, i rifugiati e i profughi aumentano nel mondo, a causa di conflitti che spesso sono alimentati da interessi dei paesi più ricchi.

"Queste vicende lasciano sempre amarezza: anche quando muore una persona che delinque e che si è posta in condizione di offesa nei nostri confronti". Sono questi Stati, per esempio l'Ungheria, che non vogliono saperne nulla di migranti e credo che oggi siano loro l'ostacolo maggiore. Ma, d'altra parte, resta un improvviso cambiamento di scenario che può avvantaggiare gli stessi migranti e cambiare di nuovo la narrazione delle migrazioni in Italia.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.