Scoperta proteina che allunga la vita: così si rallenta l'invecchiamento


Scoperta proteina che allunga la vita: così si rallenta l'invecchiamento

Share

La ricerca dell'elisir che allunga la vita è una delle più antiche del mondo, ma finalmente potrebbe essere arrivata una svolta in tal senso. Ce l'abbiamo nel nostro Dna e la sua mutazione potrebbe ritardare l'invecchiamento e preservarci da alcune malattie, più o meno gravi, grazie al suo potere di "autopulire" le cellule in cui è contenuta.

La proteina in questione non era sconosciuta agli scienziati dell'UT Southwestern, in quanto era già stata individuata in un precedente studio sulla malattia di Alzheimer.

Una proteina che allunghi la vita.

Oggetto delle ricerche è stato il gene Becn1 che codifica la proteina Beclin-1.

Il meccanismo in cui questa proteina è legato all'autofagia, un processo che consente alle cellule di degradare le sue componenti ormai morte e di riciclarle. Più le cellule si 'ripuliscono' più la vita sembra durare di più e la salute tende raggiungere un miglioramento.

La fantasia però nasconde sempre un minimo di verità, visto che gli esperti del Texas hanno individuato una proteina in grado di allungare la vita, almeno nei topi. Questo accade perché nel momento in cui si rallenta l'invecchiamento, pare che si ritardi anche lo sviluppo di tutte le malattie ad esso collegate.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.