Renzi a Conte: no a fiducia, ma rispetto

Share

Renzi a Conte: no a fiducia, ma rispetto

Lo ha detto Pietro Grasso, leader di Leu, intervenendo in Aula al Senato in occasione del dibattito sulla fiducia al governo Conte. A cosa si riferissero non è dato saperlo; probabile che, rispetto al discorso precedente, si sia puntato alla sinteticità: in pratica, Di Maio potrebbe aver risposto così solo per mantenere l'intervento al passo con i tempi previsti, considerando anche la maggiore riottosità, per usare un eufemismo, mostrata dall'aula di Montecitorio rispetto a quella di Palazzo Madama.

Le reazioni, a parte gli applausi e qualche protesta che hanno interrotto più volte il discorso del Capo del Governo, non tardano ad arrivare. Ma si fermerà il "business degli immigrati", ci saranno procedure efficaci di identificazione e si renderanno "effettive le procedure di rimpatrio".

Forza Italia conferma che stara' all'opposizione di questo governo sostenuto da una "maggioranza non eletta" e guidato da "un altro premier non eletto dagli italiani".

Flat tax, Migranti, lotta alla mafia, lotta alla corruzione, Reddito di cittadinanza, salario minimo orario sono stati alcuni degli argomenti affrontati. Auguri. Superare la legge Fornero costa 12 miliardi, se va male 20. Lo ha detto Matteo Renzi prendendo la parola al Senato.

Alla fine il Governo Conte si è insediato con la sua, se pur lievemente corretta, lista dei ministri. "E' cambiato il vocabolario" asserisce Renzi ed elenca i casi: "Quello che nella XVII legislatura era 'il governo dei non eletti' oggi si deve dire 'governo dei cittadini'"; oppure "l'inciucio" definito ora "contratto", il "trionfo della partitocrazia" è diventato "democrazia parlamentare". Non so se cambierete il Paese. "Non possiamo permetterci di creare crisi diplomatiche". "Salvini ci dia una mano, ora è responsabile della sicurezza di tutti noi, parli da padre sapendo che i figli ci ascoltano". Consiglio a Calderoli di occuparsi dei fatti e di smetterla di seguire i suoi incubi", ha scritto su twitter la vicepresidente del Gruppo Pd al Senato Simona Malpezzi, rispondendo alle dichiarazioni del senatore leghista."Fatemi capire.

Share

Pubblicità



© Molisedoc. Tutti i diritti riservati.